Una 19enne inglese è stata travolta e uccisa da un camion a Boston, nel Lincolnshire, il 5 giugno, morendo in seguito in ospedale. Ora l’inchiesta sulla tragedia ha provato che la Grace Brockelsby aveva assunto un farmaco giapponese contro l’ansia (vietato in Regno Unito) “con effetti collaterali pericolosi”, come evidenziato dall’autopsia. Il medicinale potrebbe aver influenzato le sue capacità cognitive al momento dall’incidente. Grace era stata in ospedale per una valutazione psichiatrica a seguito di problemi di salute mentale di vecchia data, poche ore prima di mettersi in cammino. Secondo Paul Smith, medico legale, Grace sarebbe andata “deliberatamente” contro il camion. Tuttavia secondo l’esperto non ci sarebbero prove sufficienti a sostenere il suicidio.

Il suicidio non è stato provato

La Corte di Boston ha visionato le riprese che la dashcam ha catturato al momento dell'impatto. Nel filmato, Grace guardò verso il mezzo pesante, voltando poi le spalle e apparentemente preparandosi all'impatto. Un'indagine sull’incidente ha stabilito che il camion stava viaggiando al limite di 40 miglia all'ora e ha stabilito che l’uomo alla guida non avrebbe alcuna responsabilità. “Ho visto questa donna dai capelli biondi che indossava un top colorato. Era sull'erba e sembrava come se stesse aspettando di attraversare. Stava guardando nella mia direzione. Quando mi sono avvicinato, l’ho vista mettersi di fronte a me. Non ho potuto fare nulla per evitare di colpirla” ha raccontato il camionista. "Ero sotto shock. Sembra che si trattasse di un atto intenzionale poiché la ragazza aveva aspettato che le fossi vicino e guardava nella mia direzione mentre usciva dall’erba”.

Grace soffriva di problemi mentali

L'inchiesta ha appreso che Grace soffriva di problemi di salute mentale da circa cinque anni, inclusa l'anoressia. In due occasioni era stata ricoverata volte per sovradosaggio intenzionale di medicinali prescritti e aveva regolarmente riferito ai professionisti della salute mentale dei suoi frequenti pensieri suicidi. Parlando in precedenza, il padre di Grace, Lee, ha detto: “Quando entrava in una stanza e la sua presenza veniva immediatamente riconosciuta: era piena di vita e di risate. E la madre Thea Cox: “Grace ha toccato così tanti cuori. Era una persona così gentile, di buon cuore, premurosa, eccentrica e la sua felicità era contagiosa”.