1.020 CONDIVISIONI
15 Aprile 2022
08:02

Come hanno fatto gli Ucraini ad affondare l’incrociatore Moskva

Era la nave che fu mandata “al diavolo” dai soldati ucraini sull’Isola dei Serpenti. Mosca parla di un incendio a bordo. L’Ucraina di un attacco con missili Neptune. In ogni caso, è un duro colpo per Putin…
A cura di Biagio Chiariello
1.020 CONDIVISIONI

L'incrociatore Moskva è affondato durante una tempesta. La conferma arriva dal ministero della Difesa russo, che si è limitata a riferire come la nave ammiraglia della flotta del Mar Nero si sia ribaltata mentre veniva rimorchiata in porto dopo un'esplosione "inspiegabile" delle munizioni a bordo. L'Ucraina afferma di aver colpito la nave con i suoi missili Neptune e, secondo il
consigliere del ministro degli Affari interni ucraino Anton Gerashchenko citato da Nexta, il comandante dell'incrociatore Anton Kuprin avrebbe perso la vita durante l'esplosione. Secondo il Pentagono, che pure ha parlato di "un'esplosione" ma non della sua causa, era diretta al porto di Sebastopoli, in Crimea, per un tentativo di ripararla.

La nave mandata "a fanc***" dai soldati ucraini 

Per tutta la giornata era continuata la battaglia di propaganda tra Mosca e Kiev sulla sorte della nave da guerra che all'inizio del conflitto ha guadagnato sua malgrado notorietà dopo aver invitato le truppe di confine ucraine che difendevano l"Isola dei serpenti' nel Mar Nero ad arrendersi: ma agli invasori era stato trasmesso un messaggio via radio di rifiuto memorabile, che si traduce vagamente come un "vai a farti fot***".  

Il comandante dell'incrociatore Anton Kuprin, è morto durante l'esplosione e l'incendio
a bordo della nave prima dell'affondamento. Lo riferisce il
consigliere del ministro degli Affari interni ucraino Anton
Gerashchenko citato da Nexta, il media bielorusso di opposizione
che trasmette dalla Polonia. Il capitano Anton Kuprin diede
l'ordine di bombardare l'Isola dei Serpenti il primo giorno di
guerra.

L'incrociatore Moskva

La nave da 12.500 tonnellate rappresentava un pezzo importante della credibilità delle forze armate di Vladimir Putin. Secondo Forbes il suo costo era di 750 milioni di dollari. Si trovava a circa 25 km al largo di Odessa con oltre 500 marinai a bordo ed era equipaggiata con 16 missili antinave “Vulkan”.

La versione dei russi

La nave "era seriamente danneggiata" per l'esplosione delle munizioni che trasportava, in seguito a un incendio sviluppatosi a bordo, hanno spiegato i russi ricordando che "l'equipaggio è stato evacuato". In una dichiarazione rilasciata successivamente dalla Difesa russa, si legge che la Moskva è affondata mentre veniva rimorchiata "nel mare agitato a causa del danno allo scafo, avvenuto durante l'incendio seguito all'esplosione delle munizioni" trasportate a bordo.

La versione di Kiev

Secondo il Comando operativo meridionale ucraino, l’incrociatore Moskva è stato colpito da due missili “Sea Neptune”, che hanno una gittata di circa 300 km. A ribadirlo è stato anche il governatore della zona di Odessa, Maksym Marchenko. Pure l'agenzia Ucraina Unian ha specificato che i razzi avrebbero provocato danni importanti.

Come ha fatto Kiev ad affondare la nave bandiera di Putin

Oleg Zhdanov, ex alto ufficiale prima dell’esercito sovietico e poi di quello ucraino, in un’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera sostiene la tesi del bombardamento. "Sappiamo che i due missili sono stati sparati da una base vicino a Odessa, hanno fatto esplodere la Santa Barbara e la nave è sbandata, pare stia affondando, comunque non sarà più utilizzabile. Il mare era agitato al momento, c’erano unità turche che incrociavano non troppo lontano e pare abbiano salvato una cinquantina di marinai, gli altri potrebbero essere morti.

1.020 CONDIVISIONI
Le notizie del 9 agosto sulla guerra in Ucraina
Le notizie del 9 agosto sulla guerra in Ucraina
Le notizie del 12 agosto sulla guerra in Ucraina
Le notizie del 12 agosto sulla guerra in Ucraina
Le notizie del 10 agosto sulla guerra in Ucraina
Le notizie del 10 agosto sulla guerra in Ucraina
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni