18 Gennaio 2022
12:31

“Gli ho tirato una sedia addosso”: il rabbino ostaggio della Sinagoga in Texas racconta come è fuggito

“È stato terrificante”. Charlie Cytron-Walker, rabbino della Beth Israel Congregation di Colleyville, in Texas, racconta le 11 ore del sequestro e come è riuscito a fuggire insieme ad altre 3 persone.
A cura di Biagio Chiariello

Stava pregando quando ha sentito un ‘clic' che poi si è rivelato essere la pistola del sequestratore. In quel momento per Il  Charlie Cytron-Walker, rabbino della Beth Israel Congregation di Colleyville, in Texas, è iniziato un incubo durato 11 ore. L'uomo, insieme ad altre tre persone, è stato preso in ostaggio da Malik Faisal Akram, 44enne britannico poi ucciso, che chiedeva la liberazione della "sorella", Aafia Siddiqui, condannata nel 2010 a 86 anni per una serie di reati, tra cui la tentata uccisione di soldati americani in Afghanistan.

Il sequestro nella sinagoga

Akram ha fatto irruzione nella sinagoga intorno alle 11. Il rabbino ha raccontato alla CNN che, con il passare delle ore, è diventato “sempre più bellicoso e minaccioso”. "Siamo stati minacciati per tutto il tempo, ma fortunatamente nessuno di noi è rimasto ferito fisicamente", ha detto. Cytron-Walker ha parlato di “un’esperienza traumatica”, sottolineando che lui e gli altri ostaggi sarebbero vivi grazie ai molteplici corsi di sicurezza che la sua congregazione ha tenuto nel corso degli anni. “Incoraggio tutte le congregazioni ebraiche, i gruppi religiosi, le scuole ed altri gruppi a partecipare a corsi di tiro attivo e di sicurezza”.

La fuga grazie al rabbino

Un ostaggio è stato rilasciato dopo sei ore, mentre gli altri tre sono fuggiti diverse ore dopo. Il rabbino ha raccontato di aver lanciato una sedia contro il sequestratore per scappare. "Ho visto un'opportunità quando non era in una buona posizione, mi sono assicurato che gli altri fossero con me, pronti per partire", ha ricordato Cytron-Walker. "L'uscita non era troppo lontana, ho detto loro di andare". Quindi il gesto che ha permesso ai tre di fuggire. "È stato terrificante. È stato travolgente e lo stiamo ancora elaborando. È passato davvero molto tempo", ha detto il rabbino. Ha aggiunto che tornare in sinagoga dopo l'incidente "non sarà facile ma è una cosa importante".

Chi è il sequestratore

Akram è morto. Suo fratello Faisal si è scusato con le vittime aggiungendo che il 44enne soffriva di "problemi di salute mentale". La comunità musulmana di Blackburn, in Inghilterra, da cui veniva Akram, ha chiesto su Facebook rispetto per il dolore della famiglia. Chi conosceva il sequestratore nella sua città natale riferisce che il suo stato di salute mentale era peggiorato e si è detto sorpreso dal fatto che fosse riuscito a recarsi negli Stati Uniti. CBS News ha riferito che Akram è arrivato negli Stati Uniti due settimane prima dell'assedio, atterrando a New York. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha definito l'episodio "un atto di terrore". Secondo il numero uno della Casa Bianca il sequestratore "ha trovato le armi per strada" e "apparentemente ha trascorso la prima notte in un rifugio per senzatetto".

Ucraina, Bakhmout città devastata ma la gente non vuole partire
Ucraina, Bakhmout città devastata ma la gente non vuole partire
0 di askanews
Da 1 a 18mila casi in un giorno: il surreale arrivo della pandemia Covid in Corea del Nord
Da 1 a 18mila casi in un giorno: il surreale arrivo della pandemia Covid in Corea del Nord
Russia-Ucraina, l'annuncio di Mosca: "Mariupol è sotto il nostro controllo. In città ora inizia la pace"
Russia-Ucraina, l'annuncio di Mosca: "Mariupol è sotto il nostro controllo. In città ora inizia la pace"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni