1.124 CONDIVISIONI
La morte della Regina Elisabetta II
12 Settembre 2022
08:24

Cos’è la pietra di Scone e perché rischia di rovinare l’incoronazione di Carlo III

L’incoronazione di Carlo III potrebbe essere messa a rischio da una serie di difficoltà organizzative. Prima tra tutte la possibilità che la Scozia decida di non fornire la Pietra di Scone al Regno Unito.
A cura di Gabriella Mazzeo
1.124 CONDIVISIONI
Re Carlo III
Re Carlo III
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte della Regina Elisabetta II

Il nuovo Re d'Inghilterra Carlo III ha dovuto fare i conti con diverse ombre sulla sua proclamazione come nuovo sovrano dopo la morte della madre, la Regina Elisabetta. La decisione di accogliere la Corona reale nonostante i suoi 73 anni ha suscitato scalpore nel Regno Unito, dove molti sudditi si aspettavano un passo indietro in favore del più giovane primogenito William.

Fino a oggi, inoltre, Carlo non è stato molto amato: ad aver definitivamente incrinato la sua popolarità, il matrimonio finito con Diana Spencer e il tradimento con Camilla Shand, oggi Regina consorte.

L'incoronazione rischia però di dover fare i conti anche con problemi di tipo organizzativo: sono passati 70 anni dall'ultima volta che è stato incoronato un sovrano e sarà difficile adattare la cerimonia ai tempi moderni.

In particolare preoccupa l'uso che dovrà essere fatto del trono ligneo di Edoardo I che contiene la Pietra di Scone, reliquia storica più sacra agli scozzesi.

Nel 1996 la pietra fu restituita alla Scozia che però promise di darla in prestito per le cerimonie di incoronazione. Da allora però gli equilibri politici sono molto cambiati e gli scozzesi (indispettiti soprattutto dalla decisione dell'Inghilterra di abbandonare l'Unione Europea) propendono sempre di più per l'indipendenza dal Regno Unito. Il Paese, quindi, potrebbe ribellarsi all'idea e decidere di non fornire la pietra sacra.

Stando a quanto trapelato finora, l'incoronazione di Carlo dovrebbe essere all'insegna della sobrietà. A imporre questo cambio di marcia rispetto alla cerimonia organizzata per Elisabetta II, la consapevolezza delle difficoltà economiche del Paese dovute alla crisi globale, l'insediamento recente della nuova premier, la già scarsa popolarità del sovrano appena proclamato e la necessità di far quadrare i conti pubblici.

1.124 CONDIVISIONI
226 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni