6 Luglio 2021
10:35

Cashback sospeso, arriva il bonus Pos: azzeramento commissioni e nuovi crediti d’imposta

Con la sospensione del cashback, il governo punta a incentivare i pagamenti elettronici attraverso strumenti indirizzati soprattutto verso gli esercenti: da una parte si azzerano le commissioni sui pagamenti elettronici, dall’altra si introducono due nuovi crediti d’imposta per l’acquisto degli strumenti per accettare i pagamenti con carte e bancomat.
A cura di Stefano Rizzuti

Il decreto Lavoro e Imprese approvato in Consiglio dei ministri il 30 giugno ha sospeso temporaneamente il cashback, ma ha introdotto nuovi bonus per promuovere i pagamenti elettronici. La differenza è che in questo caso a essere avvantaggiati saranno solamente gli esercenti e non, quindi, chi spende. La lotta all’evasione fiscale attraverso i pagamenti elettronici si sposta su un fronte diverso, cercando di incentivare l’utilizzo del Pos collegato al registratore di cassa. Il decreto prevede un credito d’imposta per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di questi dispositivi ma anche, allo stesso tempo, un azzeramento delle commissioni da pagare sulle transazioni.

L’azzeramento delle commissioni sui pagamenti con Pos

La prima novità è il credito di imposta previsto per i commercianti e i titolari di partita Iva per le commissioni da pagare sull’utilizzo di uno strumento di pagamento tacciabile: il credito sale dal 30% al 100%, prevedendo di fatto un azzeramento delle commissioni. Questo credito, così come quello previsto per l’acquisto del Pos, spetta agli esercenti di attività di impresa, arte o professioni che effettuano cessioni di prestazioni e beni.

Il credito d’imposta per il Pos: il bonus bancomat

L’altra novità è il credito di imposta per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti che consentono di accettare il pagamento elettronico e il collegamento ai registratori telematici. Il bonus è valido per gli acquisti tra il primo luglio 2021 e il 30 giugno 2022 e il credito è parametrato al costo di acquisto o noleggio e alle spese per il convenzionamento e per il collegamento tecnico tra gli apparecchi. Il limite massimo è di 160 euro per soggetto, con differenze per il credito in base ai ricavi:

  • 10% per ricavi da 1 a 5 milioni di euro;
  • 40% per ricavi da 200mila a 1 milione di euro;
  • 70% per ricavi inferiori ai 200mila euro.

Il secondo credito d’imposta viene previsto per l’acquisto di strumenti evoluti, che consentono anche la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica. In questo caso il limite massimo sale a 320 euro per soggetto e il credito è commisurato ai ricavi:

  • 40% per ricavi da 1 a 5 milioni di euro;
  • 70% per ricavi da 200mila a 1 milione di euro;
  • 100% per ricavi inferiori ai 200mila euro.

I crediti di imposta sono utilizzabili solo in compensazione e devono essere indicati in dichiarazione dei redditi.

Crediti scolastici 2022, la tabella per calcolare il voto alla Maturità
Crediti scolastici 2022, la tabella per calcolare il voto alla Maturità
Pagamento pensioni di luglio 2022, le date di Poste Italiane: quando arriva il bonus 200 euro
Pagamento pensioni di luglio 2022, le date di Poste Italiane: quando arriva il bonus 200 euro
Bonus 200 euro autonomi, partite Iva e Cococo: pronto il decreto attuativo, quando arriva l'aiuto
Bonus 200 euro autonomi, partite Iva e Cococo: pronto il decreto attuativo, quando arriva l'aiuto
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni