Sono molto gravi le condizioni dell'uomo di cinquantadue anni che ieri è stato aggredito con l'acido muriatico dalla moglie, a Brindisi. Ricoverato nel reparto di Rianimazione sull'ospedale ‘Perrino' del capoluogo pugliese, il paziente ha subito un delicato intervento chirurgico, avendo riportato lesioni sull'80% del corpo. Ferita in modo lieve, alle mani, anche la moglie, una cinquantunenne ricoverata  in ospedale e piantonata con l'accusa di lesioni gravissime. I fatti sono avvenuti a Brindisi, mentre marito e moglie discutevano nell'abitacolo della loro auto.

La donna aveva portato con sé l'acido

Secondo una prima ricostruzione la donna, avrebbe estratto la confezione di acido dalla borsa e lo avrebbe lanciato contro il marito, che urlante e ferito è scattato fuori per chiedere aiuto. La donna non ha ancora fornito la sua versione dei fatti. Secondo quanto accertato dai poliziotti della squadra mobile di Brindisi che stanno conducendo le indagini, per aggredire il marito ha usato un acido che si trova in commercio, anche sugli scaffali dei supermercati, come disgorgante. Un avvocato nominato d'ufficio tutela ora gli interessi dalla autrice dell'aggressione.

Accusata di lesioni gravissime

Secondo quando reso noto dalle forze dell'ordine, da qualche tempo la donna avrebbe avuto bisogno di un sostegno psicologico. Non sarebbero emersi, al momento, particolari attriti, tra marito e moglie. Le indagini, tuttavia, sono ancora in corso e potrebbero venire alla luce nuovi particolari che chiariscano il contesto in cui è maturata la feroce aggressione.