264 CONDIVISIONI
7 Ottobre 2017
20:42

“Se non lo fai ti ammazzo i genitori e violento tua sorella”: 13enne costretto a spacciare sotto minaccia

Mourad Boulami, a cinque anni di distanza dai fatti, è stato condannato per estorsione ai danni del tredicenne a quattro anni di reclusione, senza beneficio di sospensione della pena.
A cura di C. M.
264 CONDIVISIONI

È finita con una condanna esemplare, l'estorsione perpetrata per lungo tempo da Mourad Boulami ai danni di un tredicenne spezzino. Svariati gli episodi che cinque anni fa hanno costretto il ragazzino a eseguire gli ordini del ventiquattrenne marocchino oggi condannato a quattro anni di reclusione per estorsione, senza il beneficio della sospensione condizionale della pena. Secondo quanto ricostruito dai magistrati della procura, nell'aprile di cinque anni fa il tredicenne residente a La Spezia è stato più volte picchiato, per due volte costretto a consegnare droga ad alcuni conoscenti del 24enne marocchino, ed è stato inoltre vittima di vere e proprie estorsioni ai suoi danni. "Se non mi dai la bicicletta ammazzo i tuoi genitori e violento tua sorella", minacciò in una delle occasioni Boulami nel tentativo di soggiogare l'adolescente e costringerlo a fare qualsiasi cosa gli imponesse.

Il ragazzino per qualche settimana non ha opposto resistenza, per paura che quelle minacce potessero davvero concretizzarsi e ha eseguito gli ordini del 24enne, finché a un certo punto ha trovato il coraggio di raccontare tutto a genitori e amici, che hanno provveduto a denunciare i fatti alle autorità. Boulami è stato rinviato a giudizio con l’accusa di estorsione nei confronti del tredicenne e oggi, a cinque anni di distanza dai fatti, è stato condannato. Oltre alla tentata estorsione della bicicletta, in altre due occasioni Boulami aveva nuovamente avvicinato il tredicenne e, sotto la minaccia delle botte, lo aveva costretto a consegnare ad un suo amico nordafricano, un involucro che conteneva verosimilmente della sostanza stupefacente. Il tredicenne, temendo di essere picchiato dal ragazzo, aveva ubbidito senza opporre resistenza.

264 CONDIVISIONI
Omicidio Scagni, i genitori:
Omicidio Scagni, i genitori: "Nostro figlio ha ucciso sua sorella Alice, ma restiamo mamma e papà"
Giovane segregata e costretta a fare da serva in casa per anni: arrestata intera famiglia in Calabria
Giovane segregata e costretta a fare da serva in casa per anni: arrestata intera famiglia in Calabria
Antonella, Leonardo, Leo: chi erano le giovanissime vittime dell'incidente stradale a Massafra
Antonella, Leonardo, Leo: chi erano le giovanissime vittime dell'incidente stradale a Massafra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni