4.055 CONDIVISIONI
Ultime notizie sull'esplosione a Ravanusa
14 Dicembre 2021
09:42

Ravanusa, la storia di Samuele: il bimbo morto nel grembo della mamma, sarebbe dovuto nascere oggi

Si doveva chiamare Samuele il bimbo che portava in grembo Selene, trovata morta, assieme al marito e al suocero, sotto le macerie della palazzina crollata a Ravanusa. Sarebbe dovuto nascere oggi, 14 dicembre, con parto cesareo.
A cura di Biagio Chiariello
4.055 CONDIVISIONI
Selene e il marito Giuseppe, il giorno del loro matrimonio
Selene e il marito Giuseppe, il giorno del loro matrimonio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sull'esplosione a Ravanusa

Si doveva chiamare Samuele il bambino che Selene portava in grembo. Il corpo della donna è stato trovato senza vita ieri mattina, sul divano acconto a quello del marito Giuseppe e al suocero, sotto le macerie della palazzina crollata a Ravanusa, in Sicilia, a seguito dell'esplosione provocata dal gas del metanodotto. Il bambino sarebbe dovuto nascere proprio oggi, 14 dicembre, un parto cesareo programmato all’ospedale San Giovanni Di Dio di Agrigento dove la mamma lavorava come infermiera. Entrambi i coniugi erano residenti a Campobello.

Una gravidanza tanto desiderata quanto travagliata quella del piccolo Samuele. Ma il nascituro, a quattro giorni dal traguardo del venire al mondo, è morto nel grembo della madre sepolta dalle macerie della palazzina di Ravanusa dove era andata a trovare i suoceri assieme al marito Giuseppe Carmina. A confermare il nome del piccolo è stato il parroco di Ravanusa, don Filippo Barbera, il quale ha parlato di “una famiglia annientata”.

Non la conoscevo personalmente, abitavano a Campobello e io sono qui da due anni – dice l'uomo di chiesa – Certo, è una vita stroncata sul nascere, Selene doveva partorire tra pochi giorni il piccolo Samuele: è una famiglia annientata. Dobbiamo continuare a pregare e a sperare".

Ieri sono stati quattro i cadaveri senza vita trovati (quello di Selene, del marito Giuseppe e dei suoceri della donna, Angelo ed Enza), che si sono aggiunti ai tre del giorno precedente. Mancano i due dispersi. Tra i corpi c'è anche quello di Carmela Scibetta, dirigente del Comune di Ravanusa. È la moglie di Pietro Carmina, che era docente di storia e filosofia al liceo classico di Canicattì, dove era stato anche vicepreside. L'anno scorso si era salvato miracolosamente dal Covid. L'altro corpo trovato è quello di Calogera Gioachina "Liliana" Minacori, 59 anni.

4.055 CONDIVISIONI
Ravanusa, cos'è successo con il pagamento dei funerali delle vittime dell'esplosione
Ravanusa, cos'è successo con il pagamento dei funerali delle vittime dell'esplosione
Ravanusa, beffa per i parenti delle vittime: chiesti i soldi dei funerali solenni
Ravanusa, beffa per i parenti delle vittime: chiesti i soldi dei funerali solenni
Esplosione Ravanusa, chi pagherà i funerali delle vittime? Il sindaco: "No a speculazioni"
Esplosione Ravanusa, chi pagherà i funerali delle vittime? Il sindaco: "No a speculazioni"
950.684 di Luisa Santangelo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni