1.373 CONDIVISIONI
13 Ottobre 2017
07:34

Cesare Battisti: “Non devo chiedere scusa alle famiglie delle vittime”

Sul caso Battisti i ministri Alfano e Orlando hanno assicurato che sono stati fatti tutti i passi necessari per l’estradizione. Che da San Paolo dice: “Se il Brasile confermerà la mia estradizione in Italia mi consegneranno alla morte”. Anche il ministro della giustizia brasiliano pare scaricarlo.
A cura di Susanna Picone
1.373 CONDIVISIONI

"Tutte le morti sono deplorevoli, ma non c'è motivo che io chieda scusa per qualcosa che hanno commesso altri". Lo ha detto Cesare Battisti, condannato all'ergastolo per quattro omicidi, rispondendo alla domanda se intenda mandare un messaggio alle famiglie delle vittime che la giustizia gli imputa. All'agenzia Ansa il terrorista afferma di sentirsi "brasiliano" più che italiano, anche perché in Italia contro di lui ci sono solo "odio e risentimento".

Cesare Battisti ha "rotto il rapporto di fiducia" con il Brasile. Lo ha detto il ministro della Giustizia del Paese sudamericano Torquato Jardim a Bbc Brasil. "Ha cercato di uscire dal Paese senza una ragione precisa – ha spiegato -, raccontando che stava andando a comprare materiale da pesca. Ma ha rotto il rapporto di fiducia perché ha commesso un illecito e stava lasciando lo Stato, con denaro oltre il limite consentito, senza un motivo apparente".

Riguardo la possibile estradizione dal Brasile dell'ex terrorista il ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano ha detto che “meno proclami si fanno e più chance ci sono per arrivare all’obiettivo”. “Abbiamo fatto – ha detto Alfano – tutto quello che potevamo fare, ora è il momento dell’attesa”. “È chiaro che stiamo facendo tutto quello che si deve fare in questi casi: molte cose si sanno altre è meglio che non si sappiano. Ma stiamo facendo del nostro meglio”, ha assicurato ancora il ministro. Sul caso Battisti è intervenuto nelle ultime ore anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando che, come Alfano, alla domanda se siano stati fatti tutti i passi necessari per l’estradizione di Battisti ha risposto: “Assolutamente sì”. “Questo non è il momento di commentare – ha aggiunto Orlando – ma di lavorare con grande determinazione”.

L'arresto e la possibile estradizione di Battisti – Da parte sua Cesare Battisti ha rilasciato un’intervista a “O Estado de Sao Paulo” in cui ha detto che se il Brasile confermerà la sua estradizione in Italia “mi consegneranno alla morte”. “Perché non ho diritto di restare in Brasile?”, è quanto si chiede l’italiano nell'intervista realizzata a Cananeia, sul lungomare di San Paolo. Battisti ha detto di non sapere su cosa si basi l'ufficio legale della presidenza della Repubblica brasiliana per giustificare una sua possibile estradizione. Ha anche detto che i suoi avvocati stanno ancora aspettando che i ministeri competenti forniscano le informazioni al riguardo. Avvocati che intanto si sono detti convinti che il presidente brasiliano, Michel Temer, non autorizzerà l'estradizione in Italia dell'ex terrorista: “Siamo fiduciosi che il presidente della Repubblica, noto docente di Diritto costituzionale, rispetterà le norme brasiliane, nonostante le pressioni politiche interne ed esterne”, hanno affermato. Battisti ha anche parlato del suo arresto nei giorni scorsi al confine con la Bolivia ribadendo che era su un'auto, insieme a due amici, con l'intenzione di “comprare giacche di pelle, vino e materiale da pesca”.

1.373 CONDIVISIONI
L'avvocato della famiglia Scialdone:
L'avvocato della famiglia Scialdone: "Martina vittima di femminicidio, non di un errore"
174.372 di Simona Berterame
Famiglia massacrata in California, madre 16enne e figlio di 10 mesi uccisi con un colpo alla testa
Famiglia massacrata in California, madre 16enne e figlio di 10 mesi uccisi con un colpo alla testa
Chi è Giovan Battista Re, il cardinale che celebra i funerali di Ratzinger insieme a papa Francesco
Chi è Giovan Battista Re, il cardinale che celebra i funerali di Ratzinger insieme a papa Francesco
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni