12:19

Il nuovo art. 317 bis c.c. regola il rapporto e il legame tra nonni e nipoti

Il decreto Legislativo del 28.12.2013 n. 154 all'art. 42 codifica il diritto degli ascendenti (nonni) di avere e mantenere legami significativi con i nipoti, riconoscendo, proteggendo e tutelando il rapporto tra nonni e nipoti

Il nuovo art. 317 bis c.c. regola il rapporto e il legame tra nonni e nipoti.

Il legislatore con il Decreto Legislativo del 28.12.2013 n. 154 riconosce l’importanza del rapporto e del legame tra generazioni.

La ratio di questa innovazione legislativa si basa sul riconoscimento non solo del legame affettivo nonno – nipote, ma è anche (e soprattutto) dell’importanza del legame culturale tra generazioni, questo scambio permette la trasmissione di conoscenze ed esperienze accumulate nell’arco di più generazioni.

Dalla ratio, sopra esposta, deriva la codificazione del diritto  dei nonni a mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni,  (la locuzione “diritto” è  espressamente usata dal legislatore proprio per qualificare e rafforzare questo legame nonni-nipoti). E’ opportuno notare che il legislatore non parla del diritto di “avere” legami, ma riconosce il diritto a “mantenere” legami, cioè il legislatore presuppone che i nonni abbiano già un legame con i nipoti e si preoccupa di preservare (di far continuare) questo legame proteggendolo da eventuali interruzioni. Inoltre, il legame, non deve essere di “qualsiasi tipo” (ad esempio solo formale) ma deve essere “significativo” (cioè deve essere tale da portare ad uno scambio di conoscenze tra generazioni o, quanto meno,  deve essere tanto importante da lasciare traccia nella crescita umana e culturale del nipote).

Si è in presenza di una scelta precisa e consapevole del legislatore, questa valutazione è confermata dal fatto che il contenuto dell’art. 317 bis c.c. è ripetuto nel successivo articolo 337 ter c.c. , nel quale il legislatore regola il diritto dei nonni (di entrambi i coniugi) di frequentare i nipoti anche in seguito alla separazione o divorzio dei genitori.

L’articolo del codice, ovviamente, si riferisce ai nipoti minorenni, posto che i nipoti maggiorenni possono decidere in modo autonomo quali legami coltivare.

Il legislatore parla del rapporto con gli “ascendenti”, in senso tecnico gli ascendenti comprendono non solo i nonni, ma  anche i bis-nonni, questa forma volutamente generica (ma giuridicamente corretta) permette di applicare lo stesso diritto anche ai bis-nonni, del resto, con l’allungarsi della vita umana, è possibile che il nipote non abbia più solo rapporti con il classico nonno, ma anche con i bis-nonni.

E’ opportuno notare che non si è in presenza del classico principio, che resta solo sulla “carta” in quanto privo di tutela, al contrario, il legislatore ha previsto l’intervento dell’Autorità Giudiziaria se all’ascendete è impedito l’esercizio del diritto ad avere un legame con il nipote.


Decreto Legislativo del 28.12.2013 n. 154

Art. 42  Modifiche all’articolo 317-bis del codice civile

1. L’articolo 317-bis del codice civile e’ sostituito dal seguente:

“Art. 317-bis.

Rapporti con gli ascendenti

Gli ascendenti hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni.

L’ascendente al quale e’ impedito l’esercizio di tale diritto puo’ ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinche’ siano adottati i provvedimenti piu’ idonei nell’esclusivo interesse del minore. Si applica l’articolo 336, secondo comma.”.

Approfondimenti: famiglia, figli

commenta
STORIE INTERESSANTI
a cura di
Paolo Giuliano
Avvocato; Diplomato presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università “Federico II” di Napoli; Mediatore professionista; Autore di molte pubblicazioni in materia di diritti reali, obbligazioni e contratti. E' possibile contattarlo scrivendo a diritto@fanpage.it.
Paolo Giuliano su facebook
Paolo Giuliano via feed rss
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE