Momentaneamente sospesa la seconda sessione di prove libere del GP del Portogallo. A 40 minuti dal termine della sessione i commissari di gara sono stati costretti ad esporre la bandiera rossa dopo l'incidente occorso alla Alpha Tauri di Pierre Gasly andata improvvisamente in fiamme con fuoco e fumo che uscivano dal posteriore della monoposto. Il pilota francese è riuscito ad uscire tempestivamente dalla vettura e i marshall sono intervenuti con gli estintori spegnendo il principio d'incendio.

Ancora sconosciuti i motivi che hanno provocato l'incidente alla monoposto del pilota transalpino. Dopo qualche attimo di tensione, la situazione è tornata tranquilla a Portimao quando Pierre Gasly ha lasciato l'abitacolo e gli addetti alla pista sono riusciti a domare le fiamme. Rimangono però i grattacapi per l'Alpha Tauri dato che il motore dell'auto sembra essere ormai compromesso dato che la macchina di Gasly si è spenta all'improvviso. Probabilmente si tratta di un problema elettrico ma i tecnici della scuderia di Faenza dovranno fare gli straordinari questa sera per dare una monoposto competitiva al francese per le qualifiche di sabato e soprattutto per la gara di domenica.

La sessione è poi ripresa ma a venti minuti dal termine i commissari sono stati costretti nuovamente ad esporre le bandiere rosse per un incidente (inusuale in una sessione di prove libere) finito anche sotto investigazione tra la Red Bull di Max Verstappen e la Racing Point di Lance Stroll scontratisi tra loro a 313 km/h. Anche in questo caso i due piloti sono usciti illesi dalle proprio monoposto senza riportare alcuna conseguenza.