177 CONDIVISIONI
22 Settembre 2022
9:42

Squadra ultima in classifica, i tifosi scatenano l’inferno: picchiati calciatori e allenatore

Le immagini sono tremende, il match del campionato colombiano funestato dalle violenze scatenate dai tifosi del Deportivo Calì: delusi dai risultati della squadra, danno la caccia all’uomo.
A cura di Maurizio De Santis
177 CONDIVISIONI
Le immagini della violenta aggressione subita dal tecnico del Deportivo Calì, Candelo.
Le immagini della violenta aggressione subita dal tecnico del Deportivo Calì, Candelo.

Ultimi in classifica, aggrediti e picchiati dai tifosi. Calciatori e allenatore del Deportivo Calì hanno vissuto un incubo tremendo. Se chiedete loro cosa può significare vivere l'inferno, temere per la propria vita al punto da non sapere se e in quali condizioni uscire dal campo, vi spiegheranno cosa è accaduto durante la partita del campionato colombiano con il Cortulua all'Estadio Doce de Octubre di Tulua. Sul risultato di 2-0 in favore degli avversari, quando mancavano una decina di minuti alla conclusione della gara, s'è scatenato il caos.

Il Frente Radical è la parte più calda della tifoseria. Appartiene a quel lato oscuro delle barras bravas, di quei gruppi organizzati che fiancheggiano e sostengono le squadre proliferando nella promiscuità di traffici indiscriminati. È lì che la passione (smodata) per un club si mescola ad altro. E questo altro provoca lo spettacolo che ha fatto il giro del mondo. Dinanzi all'ennesima sconfitta l'amore è deflagrato in rabbia incontrollata.

Basta dare un'occhiata alla sequenza videoclip mostrata dalle televisioni sudamericane, le immagini spiegano bene cosa è accaduto. La situazione è degenerata, finita fuori controllo, quando gli ultrà hanno prima scavalcato la recinzione poi forzato i cancelli per fare invasione di campo. A nulla è servito l'intervento della forza pubblica, impossibile arginare quell'ondata di persone tracimata dalle tribune e che s'è riversata sul rettangolo verde partecipando alla caccia all'uomo.

Due le persone nel mirino: l'allenatore Mayer Candelo e l'attaccante Teofilo Gutierrez, ex di Sporting Lisbona, River Plate e Racing Avellaneda. Ma in quei momenti di ordinaria follia tutti hanno rischiato. Il tecnico, nonostante il tentativo degli agenti di proteggerlo, è stato preso a calci e ha ricevuto pugni alla testa. Nei giorni scorsi era stato lo stesso allenatore a denunciare il clima pesante e intimidatorio nei suoi confronti e della squadra per i risultati negativi.

"Questa situazione non è certo una novità – aveva spiegato dopo il pareggio contro il Bucaramanga, lanciando anche un'accusa molto forte verso alcuni media -. Non voglio generalizzare ma ci sono settori della stampa che hanno responsabilità e ci danneggiano".

Il Deportivo Calì non ha ancora reso una dichiarazione ufficiale al riguardo. Né la federazione colombiana s'è pronunciata, l'unico riferimento alla questione è un tweet nel quale viene confermato il risultato del campo e la partita considerata finita al momento dell'invasione.

177 CONDIVISIONI
"Gravissimi insulti razzisti": nove mesi di squalifica per l'allenatore di una squadra giovanile
Prima abbatte una tifosa, poi prova a farsi perdonare: il calciatore viene trattato in malo modo
Prima abbatte una tifosa, poi prova a farsi perdonare: il calciatore viene trattato in malo modo
L'ultima trovata di Luis Enrique: comanda i calciatori della Spagna in campo con un walkie-talkie
L'ultima trovata di Luis Enrique: comanda i calciatori della Spagna in campo con un walkie-talkie
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni