3 Ottobre 2021
11:38

Prima panchina per Ronaldo, Solskjaer nella bufera: CR7 nerissimo a fine partita

Cristiano Ronaldo per la prima volta spedito in panchina, la rabbia a fine partita di CR7, un fiume di critiche dopo il pareggio interno contro l’Everton: per Ole Gunnar Solskjaer la panchina del Manchester United comincia a scottare. Ronaldo come sua abitudine non ha fatto nulla per nascondere cosa pensasse dell’intera vicenda…
A cura di Paolo Fiorenza

Tira una brutta aria intorno ad Ole Gunnar Solskjaer al Manchester United dopo il pareggio interno di sabato contro l'Everton. Il punto casalingo segue la vittoria fortunosa al 95′ col Villarreal in Champions League, che era stata preceduta da tre sconfitte nelle quattro partite precedenti. Contro il Sottomarino Giallo era stato ancora una volta Cristiano Ronaldo, al suo quinto gol stagionale in cinque partite, a togliere le castagne dal fuoco per i Red Devils, con una rete all'ultimo respiro, peraltro viziata da un fuorigioco non ravvisato né dall'arbitro né dal VAR.

Il successo sul Villarreal aveva risistemato un po' le cose in Champions dopo la clamorosa sconfitta nel primo match del girone contro lo Young Boys, mentre in Coppa di Lega lo United è andato già fuori avendo perso in casa col West Ham. In quella circostanza Ronaldo non era stato neanche convocato, mentre ieri a Old Trafford contro l'Everton è stato spedito per la prima volta in panchina da Solskjaer, che gli ha preferito Edinson Cavani dal 1′ al centro dell'attacco. Subentrato poi al 57′, l'ex juventino non è riuscito a dare la scossa ai Red Devils, dovendo anzi assistere alla rete di Townsend con cui l'Everton ha pareggiato il vantaggio iniziale di Martial. Il match si è concluso sull'1-1, lasciando lo United all'inseguimento del Chelsea in Premier League, in attesa del big match tra Liverpool e City in programma oggi.

Come sua abitudine, Ronaldo non ha fatto nulla per dissimulare la sua delusione a fine partita ad uso e consumo delle telecamere, uscendo dal campo scuotendo il capo e borbottando tra sé e sé, senza neanche fare un cenno ai tifosi che invocavano il suo nome dagli spalti. CR7 ha del tutto ignorato Townsend, non degnandolo neanche di uno sguardo quando l'uomo partita dell'Everton gli si è avvicinato per dargli una pacca sulla spalla, dopo che in partita aveva copiato la sua esultanza per celebrare il proprio gol. Nerissimo in volto, il portoghese ha imboccato la via del tunnel, certamente non felice della panchina, ma neanche degli scarsi rifornimenti di cui già si è lamentato con allenatore e compagni.

Il dopo partita si è a quel punto trasformato in un fiume di critiche per Solskjaer, per la decisione di far partire in panchina Cristiano Ronaldo – ma anche Paul Pogba – evidentemente sottovalutando il match contro l'Everton di Benitez. Dopo la sosta per le Nazionali, il Manchester United è atteso dalla trasferta di Leicester in Premier e dal match casalingo con l'Atalanta in Champions: per Solskjaer sono già gare senza appello.

L'abbraccio di Ronaldo a Solskjaer per cancellare le divergenze: "Essere umano eccezionale"
L'abbraccio di Ronaldo a Solskjaer per cancellare le divergenze: "Essere umano eccezionale"
"Ronaldo uomo di m***a": fischi e insulti a Bergamo, CR7 non può fare l'intervista a fine partita
"Ronaldo uomo di m***a": fischi e insulti a Bergamo, CR7 non può fare l'intervista a fine partita
Cristiano Ronaldo in panchina fa litigare Keane e Carragher in diretta TV: "Non è quello che era"
Cristiano Ronaldo in panchina fa litigare Keane e Carragher in diretta TV: "Non è quello che era"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni