Episodio da moviola destinato a far discutere nella sfida tra Inter e Sassuolo. Grandi proteste della squadra neroverde per una trattenuta in area di de Vrij su Raspadori non sanzionata dal direttore di gara. Sugli sviluppi dell'azione poi è arrivato il gol del 2-0 in favore della squadra di Conte, rivelatosi poi decisivo dopo la rete nel finale di Traoré. L'arbitro Irrati ha fatto ricorso all'on-field review, richiamato dal Var, ma ha deciso di convalidare la rete, confermando la sua decisione. Una scelta su cui restano molti dubbi perché la trattenuta è sembrata netta.

Al 67′ di Inter-Sassuolo, la squadra di Antonio Conte, ha trovato la rete del raddoppio con il gol di Lautaro su assist di Lukaku, autore della prima marcatura. Tutta la panchina emiliana però ha protestato per come è iniziata l'azione degli uomini di casa. C'è infatti stato un rapido ribaltamento di fronte, dopo un'azione offensiva del Sassuolo, culminata in un contatto in area tra de Vrij e Raspadori. L'arbitro Irrati ha deciso di far proseguire, mentre il giovane attaccante chiedeva a gran voce il rigore.

Subito dopo il gol, richiamato dalla sala Var, Irrati ha deciso di fare ricorso all'on-field review per rivedere l'episodio galeotto. Dopo aver rianalizzato le immagini sul monitor a bordo campo, il direttore di gara ha convalidato il gol tra l'esultanza dei nerazzurri. I replay dell'azione non fugano i dubbi, perché la trattenuta del difensore olandese sembra netta. La maglia di Raspadori infatti si allunga notevolmente, anche se l'attaccante poi si lascia andare. Nel post-partita anche De Zerbi ha esternato le sue perplessità, puntando il dito contro Irrati.

Anche l'Inter ha protestato in due occasioni. In entrambi i casi si è arrabbiato molto Conte che a fine primo tempo ha poi chiesto chiarimenti all'arbitro Irrati. Proteste in primis per un mancato rigore per un contatto Djuricic-Skriniar, non sanzionato dal direttore di gara e poi per un tocco con la mano sinistra di Rogerio. In entrambi i casi l'arbitro non ha fatto ricorso al Var.