Mario Mandzukic torna finalmente a disposizione del Milan. Pioli ha ritrovato l'attaccante croato dopo gli infortuni muscolari che l'hanno messo ko negli ultimi due mesi. L'ex Juventus è infatti fermo dallo scorso 18 febbraio quando giocò la sua prima, e fino ad oggi ultima, gara da titolare con la maglia rossonera nel match di Europa League contro la Stella Rossa. Avrebbe dovuto sostituire Ibrahimovic quando lo svedese avesse avuto bisogno di tirare il fiato e invece dal suo arrivo a gennaio è stato praticamente quasi sempre indisponibile.

Una condizione che ha visto anche il Milan rivedere le sue priorità per la prossima stagione, prendendosi del tempo prima di rinnovare di un'altra stagione il contratto del giocatore. In questo momento infatti Maldini non avrebbe alcuna intenzione di sottoscrivere un nuovo accordo con l'attaccante croato che però potrebbe giocarsi le sue carte attraverso una clausola inserita all'interno della sua prima firma. Secondo la ‘Gazzetta dello Sport' infatti, Mandzukic, mettendo a segno cinque gol, vedrebbe scattare per un altro anno l'accordo con la società rossonera. In caso contrario, sarà di nuovo libero di accasarsi altrove a parametro zero.

Il rendimento di Mario Mandzukic con il Milan

Il Milan è alle prese con i rinnovi contrattuali di Ibrahimovic, Calhanoglu, Donnarumma e Romagnoli. Ben 4 priorità del club rossonero che potrebbe anche rischiare tanti top player attualmente presenti nella roda di giocatori a disposizione di Pioli. Per il momento Mandzukic non è una questione di primaria importanza per il club rossonero che starebbe già prendendo informazioni per garantirsi altri giocatori in quel ruolo come vice Ibra. Il croato in stagione ha giocato soltanto 4 partite in campionato contro Atalanta, Bologna, Crotone e Spezia, ma senza mai riuscire ad incidere.

Dopo la prima da titolare contro la Stella Rossa in Europa League, il buio totale. L'infortunio, che ha visto il giocatore subire una piccola lesione ai muscoli della coscia, non gli ha permesso di proseguire al meglio il suo percorso al Milan, reso difficile già da una condizione atletica ancora del tutto da recuperare. Ora sarà importante capire se a Parma, il tecnico Pioli opterà per farlo scendere in campo oppure preservarlo per i minuti finali a seconda dell'andamento della partita. Le chance di permanenza del croato in Italia, passano da queste ultime 9 partite.