445 CONDIVISIONI
17 Luglio 2021
22:42

Lugano-Inter 2-2 al 90′: esordio agrodolce per Inzaghi, la vittoria arriva solo ai rigori

Un super Radu regala il successo all’Inter nella Lugano Region Cup dopo che i tempi regolamentari sono finiti sul 2-2. In svantaggio di due gol, i nerazzurri hanno ripreso in mano la gara con le reti di D’Ambrosio e Satriano. Dal dischetto decisivo Radu, subentrato ad Handanovic. Inter rimandata alla prossima amichevole, con Inzaghi che aveva a disposizione pochissimi titolari.
A cura di Alessio Pediglieri
445 CONDIVISIONI

Non va oltre il pareggio – in recupero – la nuova Inter di Simone Inzaghi. Nuova in tutti i sensi perché tra i convocati per la prima amichevole i titolari erano solo due o tre, il resto era costituito da seconde e terze linee. Per un test che ha però messo a dura prova i nerazzurri, sotto dopo 35 minuti già a 2-0 e capaci di riprendere la gara per i capelli in un secondo tempo in cui la vittoria è sfuggita di un soffio, con Skriniar che si è visto annullare il possibile 3-2 per fuorigioco al 90′. Così, si passa ai calci di rigore per stabilire chi può alzare la Lugano Region Cup 2021 al cielo.

Davanti a circa 2.300 spettatori, l'Inter non brilla ma dimostra di aver carattere e di onorare la maglia. Se il Lugano ha una partenza più impressionante e in grado di fare la differenza (2 gol in 35 minuti) i nerazzurri di Inzaghi confermano la tenuta atletica e non solo: carattere e mentalità che li porta al 2-2 entro il 90′ con il 3-2 fermato solo dal fuorigioco di Skriniar entrato nel secondo tempo.

Nel mezzo, qualche svarione eccessivo in difesa, ma le attenuanti ci sono tutte: per Inzaghi i titolati si contano sulle dita di una mano. Il resto è un manipolo di ragazzotti volenterosi di mettersi in mostra in cui l'esperienza di D'Ambrosio, Nainggolan e di Skriniar ha provato a fare la differenza. A riuscirci è stato Radu sui calci di rigore, parandone due al Lugano e dando la vittoria ai nerazzurri frazie al tiro decisivo di Ranocchia.

Lugano-Inter 2-2 ( 3-4 dcr)

LUGANO: 46 Baumann; 3 Ziegler (79′ 5 Maric), 4 Hajrizi, 7 Facchinetti, 10 Bottani (79′ 11 Monzialo), 14 Sabbatini (72′ 6 Covilo), 16 Lavanchy, 20 Custodio (72′ 22 Guidotti), 24 Lovric, 30 Daprelà, 99 N. Muci (46′ 17 Abubakar-Ankrah).
In panchina: 8 Lungoyi, 12 Morosoli, 23 Srdic.
Allenatore: Abel Braga.

INTER (3-5-2): 1 Handanovic (61′ 97 Radu); 33 D'Ambrosio (79′ 46 Zanotti), 13 Ranocchia, 32 Dimarco; 36 Darmian, 44 Nainggolan (82′ 41 Nunziatini), 18 Agoume, 5 Gagliardini, 29 Dalbert (61′ 37 Skriniar); 48 Satriano (79′ 48 Colidio), 99 Pinamonti.
In panchina: 21 Cordaz, 40 Fabbian, 42 Moretti, 43 Hoti, 45 Sottin.
Allenatore: Simone Inzaghi.

445 CONDIVISIONI
L'Inter perde la vetta: non basta un super Dimarco, la Sampdoria strappa il 2-2
L'Inter perde la vetta: non basta un super Dimarco, la Sampdoria strappa il 2-2
Rabbia Inter: "Meritavamo molto di più". Contro il Real Madrid doveva finire 2-1
Rabbia Inter: "Meritavamo molto di più". Contro il Real Madrid doveva finire 2-1
Correa all'Inter con un curioso retroscena: venne scartato per 2 milioni, oggi lo acquista per 31
Correa all'Inter con un curioso retroscena: venne scartato per 2 milioni, oggi lo acquista per 31
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni