11 Maggio 2022
11:20

L’ossessione di Guardiola per il Liverpool: “In Premier hanno vinto dopo 30 anni”

Il tecnico del Manchester City ha escogitato uno stratagemma per controllare quali sono le opinioni sui social e come i media veicolano le informazioni. Un’affermazione in conferenza stampa ne ha tradito il nervosismo e il trucco.
A cura di Maurizio De Santis
Pep Guardiola controlla e opinioni sui social network attraverso una serie di profili fasulli.
Pep Guardiola controlla e opinioni sui social network attraverso una serie di profili fasulli.

L'ossessione di Pep Guardiola: controllare come si comportano i media nei confronti del Manchester City rispetto agli altri club. Uno in particolare, il Liverpool. La sfida a distanza con la squadra di Jurgen Klopp vale il titolo della Premier League. Ma dietro l'attenzione maniacale del manager catalano c'è dell'altro e non riesce a nasconderlo. È un nervo scoperto, qualcosa che viene rinfacciato e al tempo stesso ha su di lui l'effetto di una vocina che gli martella la testa e un po' gli toglie il sonno: loro vanno avanti in Europa, hanno in bacheca abbastanza Coppe "dalle grandi orecchie" (6, dietro le 13 del Real e le 7 del Milan) da non avere rivali in Inghilterra e, da quando è arrivato il tecnico tedesco, sono alla terza finale raggiunta in quattro anni (2018, sconfitta con i blancos; 2019, successo col Tottenham).

È sufficiente questo per infastidire l'ex Barça che, dopo la beffa cocente dell'eliminazione contro il Real Madrid, finisce nel cono d'ombra del tedesco. Guardiola è convinto che ci sia un'informazione sbilenca, troppo di parte in favore dei Reds. La sorveglia e la verifica a modo suo, a mo' di "grande fratello". Non ha account social ufficiali ma – a giudicare da quanto rivelato da The Athletic – si arrangia in un altro modo: ne ha diversi sotto mentite spoglie attraverso i quali interagisce, legge, valuta. Profili segreti che gli permettono di essere sulle piattaforme in maniera libera, scrutando di nascosto tutto quel che viene detto su di lui, la sua squadra e gli avversari.

L’ossessione di Pep Guardiola per la differente posizione dei media nei confronti del Liverpool rispetto alla sua squadra.
L’ossessione di Pep Guardiola per la differente posizione dei media nei confronti del Liverpool rispetto alla sua squadra.

Ironia della sorte, potrebbe anche capitare di entrare in contatto con lui senza saperlo. Fa tutto questo per restare sempre aggiornato sugli umori, le opinioni e le discussioni più trend che alimentano la Rete. Meglio ancora se in questo solco c'è materiale che lo riguarda direttamente. Ma com'è stata scoperta questa cosa? Ha fatto riflettere una reazione avuta dal tecnico in una conferenza stampa recente dove ha sostenuto che i media inglesi abbiano orientato il favore verso il Liverpool e il Manchester United rispetto al suo City. E non se lo spiega… ma esce dall'angolo tradendo nervosismo per una questione del genere.

"Tutti supportano il Liverpool, a partire dai media – le parole di Guardiola -. Lo capisco perché i Reds hanno una storia straordinaria nelle competizioni europee". Poi arriva la stoccata. "Sono grandi… ma non in Premier League, perché ne hanno vinta una in 30 anni. Ma questo non è un problema".

A 29 anni lascia il calcio dopo aver vinto l'Europa League: la storia di Martin Hinteregger è unica
A 29 anni lascia il calcio dopo aver vinto l'Europa League: la storia di Martin Hinteregger è unica
Zeman intramontabile, può ripartire ancora dalla Serie C: sarebbe un ritorno dopo oltre 30 anni
Zeman intramontabile, può ripartire ancora dalla Serie C: sarebbe un ritorno dopo oltre 30 anni
Origi e Sanches portano al Milan 21 trofei e l'acquisto più importante: la mentalità vincente
Origi e Sanches portano al Milan 21 trofei e l'acquisto più importante: la mentalità vincente
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni