493 CONDIVISIONI
10 Gennaio 2022
15:25

L’infortunio di Chiesa rischia di far saltare l’obbligo di riscatto per la Juve: cosa succede

L’infortunio di Federico Chiesa mette in discussione l’obbligo di riscatto previsto dalla formula dell’operazione scelta tra Fiorentina e Juventus. Cosa cambia adesso.
A cura di Maurizio De Santis
493 CONDIVISIONI

Il campionato. La Champions League. I playoff con la Nazionale per la qualificazione ai Mondiali di Qatar 2022. Il prestito biennale con obbligo di riscatto che, al momento, lo tiene ancora sospeso tra Fiorentina e Juventus. Il mondo di Federico Chiesa è crollato sul prato dell'Olimpico, quando ha sentito che il ginocchio sinistro cedeva accompagnato da una sensazione inquietante. Lesione del legamento crociato anteriore: la diagnosi è stata una mazzata per tutti, dovrà essere operato e i tempi di recupero saranno lunghi abbastanza da arrivare fino alla prossima estate quando sarà chiaro quale maglia indosserà il calciatore.

Resterà alla Juventus oppure c'è davvero il rischio che torni a Firenze? E soprattutto l'infortunio subito domenica sera può mettere a rischio il riscatto da parte dei bianconeri? Domande che ronzano in testa, nonostante la volontà della Juve sia quella di non privarsi di un talento come l'ex Viola, e si riassumono nel più semplice "adesso che succede?" Domande che sorgono spontanee a causa della formula che le società scelsero per chiudere la trattativa: prestito biennale con obbligo di riscatto che scatta al raggiungimento di determinate condizioni/obiettivi.

È spiegato nel comunicato di allora nel passaggio dove sono menzionati "l’obbligo da parte di Juventus di acquisire a titolo definitivo le prestazioni sportive del giocatore al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi nel corso della stagione 2021/2022; la facoltà da parte di Juventus di acquisire a titolo definitivo le prestazioni sportive del giocatore qualora detti obiettivi non fossero raggiunti".

Dunque, solo in caso negativo da Torino si passerà dall'obbligo alla facoltà di acquisire a titolo definitivo il giocatore. Al netto di tutti questi dubbi collaterali una risposta chiara già c'è: il riscatto di Chiesa non è mai stato in discussione considerato il suo potenziale. Anzi, il suo nome figurava già sul famoso "pizzino" dimenticato sul tavolo di un ristorante dall'ex dirigente, Fabio Paratici.

Federico Chiesa si è infortunato nella partita contro la Roma: stagione finita per la lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.
Federico Chiesa si è infortunato nella partita contro la Roma: stagione finita per la lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

Però, la curiosità c'è, soprattutto in riferimento agli obiettivi indicati nell'accordo a mo' di condizione risolutiva. Due su tre sono già saltati, non per colpa del giocatore ma della malasorte che gli ha tirato un brutto scherzo: giocare almeno il 60% delle partite restando in campo almeno trenta minuti; segnare 10 gol e fare altrettanti assist. Il terzo invece è ancora possibile anche se al momento la classifica non aiuta: ovvero che la Juventus si piazzi tra le prime 4 posizioni in campionato. È per queste ragioni che, pur tenendo conto della volontà del club, sorge il dubbio.

L'affare tra Juventus e Fiorentina si è formalizzato per una somma complessiva di 60 milioni di euro, di questi solo 10 finora sono stati versati nelle casse dei toscani: 3 milioni per la stagione 2020-2021, altri 7 milioni in occasione di quella attuale (2021-2022) al termine della quale dovrebbe subentrare l'obbligo di acquisto. Così fosse, i bianconeri dovranno versare ai viola in tre esercizi altri 40 milioni di euro. La parte restante (altri 10 milioni) è invece vincolata ad altri obiettivi. L'infortunio rischia di mettere tutto in discussione, ma solo nelle modalità di un trasferimento che appare comunque certo.

493 CONDIVISIONI
Ramsey si infortuna anche con i Rangers, e a fine stagione tornerà alla Juve
Ramsey si infortuna anche con i Rangers, e a fine stagione tornerà alla Juve
Chiellini, addio alla Juve ma non al calcio: "Il viaggio non finisce. Non so ancora cosa mi aspetti"
Chiellini, addio alla Juve ma non al calcio: "Il viaggio non finisce. Non so ancora cosa mi aspetti"
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Cosa rischia la Juventus per la Superlega dopo l'ultimo ricorso vinto dalla Uefa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni