35 CONDIVISIONI

Han Kwang-Song riappare dal nulla su un campo di calcio: è una partita ufficiale ma non in Corea

Tornato in Corea del Nord lo scorso agosto dopo tre anni in cui era scomparso, l’ex attaccante della Juventus Han Kwang-Song è stato nuovamente convocato in nazionale e oggi è nella formazione titolare impegnata contro la Siria nel primo match di qualificazioni mondiali che si gioca a Gedda, in Arabia Saudita.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Paolo Fiorenza
35 CONDIVISIONI
Immagine

Dal nulla, letteralmente dal nulla, dal buco nero in cui era stato ingoiato dal 21 agosto 2020, giorno della sua ultima partita con la maglia dell'Al-Duhail, Han Kwang-Song è riapparso improvvisamente su un campo di calcio, tornando a giocare una gara ufficiale. Il 25enne attaccante, che aveva toccato il cielo con un dito vestendo la maglia della Juventus dopo essere approdato al Cagliari giovanissimo, è presente con la maglia numero 10 nella formazione titolare della Corea del Nord, impegnata oggi a Gedda in Arabia Saudita contro la Siria nel primo match di qualificazioni per i Mondiali del 2026.

Nulla si sa della squadra nordcoreana, al punto che la certezza della presenza di Han tra i convocati è arrivata solo pochi minuti prima del fischio d'inizio, al momento della lettura della distinta. Evidentemente il calciatore classe 1998 deve aver ripreso a giocare anche nel proprio campionato nazionale, dopo essere rientrato in patria lo scorso agosto, ma anche avere notizie su questo torneo è praticamente impossibile. Le voci su una clamorosa ricomparsa di Han erano state alimentate da un video diffuso qualche ora fa, in cui durante un allenamento sembrava scorgersi un volto familiare. In effetti era proprio lui, insignito della maglia numero 10 come si conviene alla stella della squadra.

Han era stato costretto a mollare il suo sogno di sfondare nel calcio occidentale a causa della risoluzione 2397 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – approvata il 22 dicembre 2017, un paio d'anni prima della sua cessione dalla Juve al club qatariota dell'Al-Duhail – in base alla quale veniva stabilito il divieto per i nordcoreani di lavorare all'estero, con la motivazione che i loro stipendi avrebbero potuto finanziare gli investimenti del regime di Kim Jong-un in campo militare, nucleare e chimico.

Han Kwang-Song con la maglia della Juventus
Han Kwang-Song con la maglia della Juventus

Dunque dopo aver contribuito a far vincere il titolo della Qatar Stars League 2020 all'Al-Duhail (3 gol in 10 presenze), Han è sparito dalla circolazione, risolvendo il contratto col club di Doha e salendo su un volo per Roma nel gennaio 2021. Da quel momento, non potendo rimpatriare a causa della chiusura rigidissima dei propri confini da parte della Corea del Nord per difendersi dal Covid, il calciatore ha vissuto in ambasciata – probabilmente proprio in Italia – fino al ritorno a casa avvenuto tre mesi fa. Adesso Han è tornato finalmente in campo: d'ora in poi lo vedremo solo con la maglia della sua nazionale, ma è già qualcosa rispetto al fantasma che era diventato.

35 CONDIVISIONI
La Serie C nella storia del calcio: arbitri in campo con la Referee-Cam, è la prima lega europea
La Serie C nella storia del calcio: arbitri in campo con la Referee-Cam, è la prima lega europea
Finale Coppa d'Africa Nigeria-Costa d'Avorio, dove vederla in TV e streaming: le formazioni ufficiali
Finale Coppa d'Africa Nigeria-Costa d'Avorio, dove vederla in TV e streaming: le formazioni ufficiali
Milan-Atalanta dove vederla oggi in TV e streaming: le formazioni ufficiali della partita
Milan-Atalanta dove vederla oggi in TV e streaming: le formazioni ufficiali della partita
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni