Pep Guardiola nei giorni scorsi era stato avvistato a Barcellona. Dalla Spagna si è subito pensato che il tecnico del Manchester City fosse andato di persona per parlare con Leo Messi. E invece in Catalogna Guardiola è andato solo a visitare i suoi parenti. Ma questo suo soggiorno catalano potrebbe costargli caro. Secondo quanto scrive Sky Sports (dall'Inghilterra) l'allenatore dei Citizens, al suo ritorno a Manchester, dovrebbe osservare un periodo di 14 giorni di quarantena.

Un problema non di poco conto a cui Guardiola avrebbe dovuto pensare dato che le autorità britanniche costringono tutti coloro che viaggiano dalla Spagna all'Inghilterra a effettuare un periodo di isolamento di 14 giorni per via dell'emergenza sanitaria mondiale causato dal Covid-19. Un disagio non indifferente per l'allenatore in vista del raduno di inizio stagione dato che la squadra giocherà la sua prima partita in Premier League il prossimo 21 settembre. Guardiola, iniziando la quarantena domani, potrà tornare ad allenare la sua squadra solo il 14 settembre, ovvero 6 giorni prima del debutto in campionato.

Guardiola, in quarantena 14 giorni dopo il suo viaggio a Barcellona

Pep Guardiola non c'ha pensato, ma forse era talmente forte il richiamo di Barcellona in questi giorni, da non resistere ad una visita in Spagna. Leo Messi o parenti, sta di fatto che il suo soggiorno in terra catalana lo costringerà ad una quarantena di 14 giorni al rientro in Inghilterra. Il tecnico del Manchester City a questo punto dovrebbe rispettare quando stabilito dalle autorità britanniche che costringono tutti coloro che viaggiano dalla Spagna all'Inghilterra ad un periodo di isolamento.

Nulla da eccepire dal punto di vista della sicurezza e del rispetto delle regole, ma forse Guardiola avrebbe potuto evitare dato che il suo City inizierà la stagione con la prima gara in Premier League il prossimo 21 settembre. Rientrando il 14, avrebbe solo 6 giorni di tempo per preparare la gara con i suoi ragazzi. E' ovvio che ci sarà il suo staff nel corso di questo ritiro, ma questa leggerezza poteva benissimo evitarla, per il bene della squadra.