Dries Mertens si ferma almeno per un mese. Ma lo stop dell'attaccante belga potrebbe essere molto più lungo. L'attaccante si è infortunato nel corso della partita di campionato tra Inter e Napoli e oggi è stato sottoposto agli esami strumentali alla Clinica Pineta Grande di Castel Volturno. Gli esami hanno evidenziato un trauma distorsivo di primo-secondo grado alla caviglia sinistra con interessamento del comparto mediale. Le sue condizioni saranno rivalutate tra tre settimane. Mertens ha iniziato già la riabilitazione e la proseguirà in Belgio, dove trascorrerà tutto il periodo natalizio.

Mertens infortunato in Inter-Napoli

Era uscito in lacrime dallo stadio di San Siro Mertens che quando si è infortunato alla caviglia ha capito subito che il suo problema era serio. Il bomber sorretto da due medici del Napoli ha lasciato il campo e negli spogliatoi ha visto gonfia la sua caviglia e in quel momento ha compreso ulteriormente la gravità del suo problema. Il 33enne attaccante ha temuto di essersi fratturato la caviglia, poi è arrivata la diagnosi: distorsione con interessamento dei legamenti. Lo stop previsto è di almeno un mese. Il comunicato del Napoli:

Dries Mertens sostituito ieri durante Inter-Napoli si è sottoposto, presso la Clinica Pineta Grande, ad accertamenti diagnostici che hanno evidenziato un trauma distrorsivo di primo/secondo grado alla caviglia sinistra con interessamento del comparto mediale.

Le sue condizioni saranno rivalutate tra 3 settimane. Mertens ha già iniziato la riabilitazione che proseguirà in Belgio durante il periodo natalizio. 

Quante partite salterà Dries Mertens

Innanzitutto l'attaccante belga non giocherà le ultime partite del 2020, quelle contro la Lazio e il Torino. E sicuramente Mertens non giocherà nemmeno le prime quattro partite di Serie A del 2021 e non ci sarà nemmeno nella gara di ottavi di finale di Coppa Italia con l'Empoli ma spera di rientrare in occasione della finale della Supercoppa Italiana con la Juventus in programma il 20 gennaio al Mapei Stadium di Reggio Emilia. A Gattuso in questo momento manca anche Osimhen e gli resta come centravanti titolare Petagna. L'alternativa principale all'ex della Spal sarà Fernando Llorente, che fin qui non ha disputato nemmeno una partita.