L'Inter pareggia ancora in Champions League. Dopo il 2-2 casalingo con il Borussia Monchengladbach i nerazzurri non sono andati oltre lo 0-0 con lo Shakhtar Donetsk. E adesso il cammino europeo della squadra di Conte si complica tremendamente. La prestazione è stata a due facce. Perché nel primo tempo Barella e Lukaku hanno colpito entrambi una traversa, nella ripresa dopo un errore clamoroso di Lautaro Martinez l'Inter non è mai stata più pericolosa. Al termine della partita il tecnico dei nerazzurri ai microfoni di Sky si è lamentato e ha detto che i suoi ragazzi hanno giocato bene, ma non hanno avuto l'aiuto della dea bendata: "Questa partita ci lascia sensazioni positive perché i ragazzi hanno giocato con la giusta intensità e con il piglio da grande squadra dall’inizio. Non siamo stati fortunati, ma abbiamo fatto una buonissima gara sia in fase difensiva che offensiva, pressando lo Shakhtar. Dispiace perché meritavamo di vincere, ci rimane la consapevolezza di essere sulla strada giusta"

Poi l'ex c.t. si è lamentato per questo ciclo di partite. L'Inter in Ucraina ha disputato il quarto match in dieci giorni. Sono tanti e vissuti anche con una rosa ridotta a causa degli infortuni di Sanchez e Sensi e prima anche per via dei contagi di sei calciatori: "E non dimentichiamo che questa è la quarta partita in dieci giorni, con il ciclo iniziato con sei persone con il virus più Sanchez e Sensi infortunati. Nonostante questo, stiamo tenendo botta sotto tutti i punti di vista". Ma la cosa fondamentale per Conte ora è battere il Parma sabato, poi nel mirino metterà il Real Madrid: "Ora testa al campionato e poi ancora alla Champions, andremo a Madrid a fare la partita".