249 CONDIVISIONI
Eurovision Song Contest 2022
12 Maggio 2022
18:00

Stefania di Kalush Orchestra: testo, significato e traduzione della canzone ucraina all’Eurovision 2022

Qual è il significato del brano “Stefania”, la canzone della Kalush Orchestra che rappresenta l’Ucraina all’Eurovision Song Contest 2022 di Torino, grande favorita per la vittoria finale.
A cura di Vincenzo Nasto
249 CONDIVISIONI
La Kalush Orchestra, i rappresentanti ucraini per l’ESC 2022 di Torino
La Kalush Orchestra, i rappresentanti ucraini per l’ESC 2022 di Torino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Eurovision Song Contest 2022

Doveva essere Alina Paš la protagonista per l'Ucraina all'Eurovision Song Contest 2022, ma la sua rinuncia dopo la contestazione per il viaggio in Crimea, ha portato alla ribalta la figura della Kalush Orchestra, la band formatasi nel 2019 dai membri Oleh Psyuk, Ihor Didenčuk e MC Kilimmen. Il trio si esibirà all'ESC con la canzone "Stefania": il brano era dapprima dedicato a Stefania, madre del cantante Oleh Psyuk, ma è inevitabilmente diventato, dopo l'inizio del conflitto con la Russia, un inno alla pace e alle radici ucraine, "anche nella tempesta". L'esibizione dei Kalush Orchestra nella prima semifinale dell'Eurovision 2022 è stata un successo, con tanto di standing ovation da parte del pubblico. Gli ucraini sono i grandi favoriti dell'edizione 2022 dell'Eurofestival. Ecco il testo, la traduzione e il video della canzone.

Il testo della canzone ucraina all'Eurovision

Стефанія мамо мамо Стефанія,
Розквітає поле, а вона сивіє,
Заспівай мені мамо колискову
Хочу ще почути твоє рідне слово.
Вона мене колисала дала мені ритм і напевне силу волі не забрати в мене бо дала вона
Напевне знала може більше і від соломона, ломаними дорогами прийду я завжди тебе
Вона не розБудить не будить, мене в сильні бурі
Забере в бабулі 2 дулі, ніби вони кулі
Дуже добре знала мене не була обманута, як була дуже втомлена, гойдала мене в такт
Стефанія мамо мамо Стефанія,
Розквітає поле, а вона сивіє,
Заспівай мені мамо колискову
Хочу ще почути твоє рідне слово.
Я не в пеленах но ма, но ма, хватить, як би я не виріс на виріст, за речі платить Я не мала дитина, вона далі нерви тратить, я гуляв, шлях би тебе трафив, Ти все молода о мамо на піку, якщо не ціню опіку на піку слави мені втупіку Забивайте піку цю піку я би попік спік, своєю любов‘ю
Стефанія мамо мамо Стефанія,
Розквітає поле, а вона сивіє,
Заспівай мені мамо колискову,
Хочу ще почути твоє рідне слово

Il significato di Stefania

Sarà quindi "Stefania" la canzone presentata dalla Kalush Orchestra all'Eurovision Song Contest 2022 di Torino. Il brano, come ha rivelato il produttore artistico Oleksii Zhembeovskyi, era stato scritto inizialmente da Psyuk nel tentativo di dedicare la canzone a sua madre. Come si legge nel testo, il brano racconta la protezione tra le braccia e le care parole sussurrate al bambino in passato. Con l'inizio del conflitto in Ucraina, il brano ha ottenuto anche un altro tipo di lettura: infatti si possono evincere riferimenti alla patria e alla sicurezza con cui ha cresciuto i suoi figli, anche in un "temporale" come la guerra. Un messaggio di pace che ha portato il singolo tra le candidate alla vittoria finale della competizione, a pari merito con "Brividi" di Blanco e Mahmood.

La traduzione della canzone dei Kalush Orchestra

Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Mi cullava da piccola, mi dava un ritmo,
E non puoi togliere la forza di volontà in me, come l'ho presa io da lei
Penso che ne sapesse più di re Salomone.
Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade sono distrutte
Non mi sveglierebbe nemmeno se fuori ci fosse un temporale
O se c'è stata una tempesta tra lei e la nonna,
si fidava di me più di tutti gli altri
anche quando era stanca, continuava a cullarmi
Ninna nanna, ninna nanna
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Non sono più un bambino, ma mi tratterà sempre come tale
Non sono più un bambino, ma continua a preoccuparsi per me, ogni volta che esco
Madre, sei ancora giovane. Se non apprezzo la tua gentilezza, sto andando verso un vicolo cieco
Ma il mio amore per te non ha fine.
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola

249 CONDIVISIONI
151 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni