3.050 CONDIVISIONI
Eurovision Song Contest 2022
10 Maggio 2022
22:20

L’emozionante standing ovation per la band ucraina Kalush Orchestra all’Eurovision 2022

Standing ovation per la band Ucraina in gara all’Eurovision Song Contest 2022, Kalush Orchestra, che ha presentato la canzone Stefania, dapprima dedicata alla madre del cantante del gruppo, poi diventata un inno alla pace.
A cura di Gaia Martino
3.050 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Eurovision Song Contest 2022

Nella prima serata dell'Eurovision Song Contest 2022 in onda questa sera di martedì 10 maggio in diretta su Rai Uno si è esibita, tra i 17 artisti in gara, la band rappresentante dell'Ucraina, Kalush Orchestra. Formatasi nel 2019 dai membri Oleh Psyuk, Ihor Didencuk e MC Kilimmen, il gruppo ha rubato la scena stasera cantando la canzone "Stefania", brano dapprima dedicato alla madre del cantante della band, poi diventato, dopo l'inizio del conflitto contro la Russia, un inno alla pace. Alla fine della loro esibizione sul palco del Pala Alpitour una standing ovation ha messo i brividi ai telespettatori.

La standing ovation per i Kalush Orchestra

Con la loro "Stefania", i Kalush Orchestra hanno conquistato il pubblico dell'Eurovision Song Contest 2022. I presenti al Pala Alpitour di Torino non appena terminata l'esibizione si sono scatenati tra urla e applausi con la bandiera dell'Ucraina tra le mani. Un gesto commovente che non è passato inosservato ed è stato commentato dagli utenti Twitter di tutto il mondo. Doveva essere una dedica alla madre del cantante della band, Oleh Psyuk, ma visto il difficile momento che sta vivendo il paese, il brano "Stefania" si è trasformato in un inno nazionale: risulta, inoltre, tra le canzoni favorite alla vittoria finale.

La traduzione della canzone Stefania dei Kalush Orchestra

Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Mi cullava da piccola, mi dava un ritmo,
E non puoi togliere la forza di volontà in me, come l'ho presa io da lei
Penso che ne sapesse più di re Salomone.
Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade sono distrutte
Non mi sveglierebbe nemmeno se fuori ci fosse un temporale
O se c'è stata una tempesta tra lei e la nonna,
si fidava di me più di tutti gli altri
anche quando era stanca, continuava a cullarmi
Ninna nanna, ninna nanna
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Non sono più un bambino, ma mi tratterà sempre come tale
Non sono più un bambino, ma continua a preoccuparsi per me, ogni volta che esco
Madre, sei ancora giovane. Se non apprezzo la tua gentilezza, sto andando verso un vicolo cieco
Ma il mio amore per te non ha fine.
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola

3.050 CONDIVISIONI
151 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni