21 Febbraio 2022
16:48

Sabaudia, le mani della cricca sui Mondiali di canottaggio: “Coronavirus ci sta salvando pelle e palle”

Ai domiciliari la sindaca di Sabaudia Giada Gervasi. È accusata con altri 15 indagati di aver pilotato appalti e bande di gara, soprattutto per la Coppa del Mondo di Canottaggio. In un’intercettazione la speranza che la pandemia facesse saltare l’evento così da rendere più facile la distrazione di fondi pubblici.
A cura di Emilio Orlando

"Grazie a Dio, grazie al Coronavirus che ci sta salvando la pelle e le palle". Così uno degli indagati, in un'intercettazione telefonica del 6 marzo 2020, si rivolgeva a Sergio Lamanna comandante del centro remiero della Marina Militare e gli confidava il fallimento dell'organizzazione dell'evento e che la pandemia Covid li avrebbe sottratti alle loro responsabilità. Questo si legge nelle carte dell'inchiesta che ha portatoall'emissione di sedici misure cautelari, facendo finire ai domiciliari anche la sindaca di Sabaudia

Non solo corruzione e turbativa d'asta per il rilascio delle concessioni demaniali, ma anche gravi illeciti legati al ricco appalto per l'organizzazione della tappa nazionale della "Coppa del Mondo di canottaggio" che si sarebbe svolta al Lago di Paola di Sabaudia. L'inchiesta della procura di Latina, che questa mattina ha visto finire in manette sedici indagati tra cui Giada Gervasi, avvocatessa e sindaca di Sabaudia, ha svelato che il comitato dell'organizzazione dell'evento sportivo internazionale venne creato "ad hoc" dal comune pontino e venne chiamato "Sabaudia MMXX".

Secondo gli inquirenti, infatti, la struttura era dotata di una propria personalità giuridica e controllato direttamente dalla sindaca Gervasi e da Luigi Manzo, nominato dalla giunta direttore generale del comitato. Ditte "amiche" e imprenditori spregiudicati divenivano gli aggiudicatari di almeno undici gare d'appalto pilotate i cui requisiti d'aggiudicazione venivano "cuciti" su misura.

Si legge nelle cinquecento pagine dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari di Latina, Giorgia Castriota, che la prima cittadina, grazie al ruolo istituzionale si è mostrata un'abile dissimulatrice dei fatti e spregiudicata nel portare a termine i reati per fini politici. Secondo la procura, fu proprio la Gervasi a richiedere al prefetto di Latina la convocazione del comitato provinciale per l’ordine la sicurezza pubblica all’indomani dell’attentato nella sede del Parco Nazionale del Circeo, salvo poi approfittare di tale situazione per influenzare i controlli nei confronti dei titolari delle attività balneari riconducibili ai propri avversari politici.

Inoltre, gli indagati avrebbero cercato di depistare le indagini, attraverso un tentativo della sindaca Gervasi di accreditarsi come "confidente" dei carabinieri di Sabaudia al fine di depistare eventuali indagini o responsabilità a suo carico ed indirizzarle falsamente nei confronti di alcuni capi settori e di un assessore tanto da dichiarare falsamente di aver chiesto a quest’ultimo le dimissioni.

"Il comportamento della Gervasi – scrive il gip – appariva funzionale a precostituirsi un alibi qualora vi fossero state indagini nonché un probabile tentativo di depistaggio. Inoltre, nel corso delle indagini è emerso che gli indagati, proprio per sottrarsi alle investigazioni, hanno adottato molte precauzioni. Si è visto infatti che gli stessi hanno spesso evitato di parlare al telefono di determinate questioni, preferendo comunicazioni di persona oppure facendo ricorso ad applicazioni telefoniche che consentono di comunicare in maniera riservata, a riparo da eventuali intercettazioni".

Colto da un malore, precipita con l'auto in un dirupo: Fausto Salciccia muore a 79 anni
Colto da un malore, precipita con l'auto in un dirupo: Fausto Salciccia muore a 79 anni
Cerca di uccidere la madre prendendola a pugni e spaccandole una sedia addosso: grave 79enne
Cerca di uccidere la madre prendendola a pugni e spaccandole una sedia addosso: grave 79enne
Giallo sulla morte di un 61enne, ipotesi mucca pazza: avviata inchiesta epidemiologica
Giallo sulla morte di un 61enne, ipotesi mucca pazza: avviata inchiesta epidemiologica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni