Mario Graziani
in foto: Mario Graziani

È indagato per omicidio colposo il proprietario del trattore che lo scorso 9 ottobre si è sfrenato, uccidendo Mario Graziani, un bambino di dieci anni, che stava studiando nel cortile di casa di un amichetto a Sgurgola, in provincia di Frosinone. Un atto dovuto, per consentire le indagini e l'esame della salma, che, ricevuto il nulla osta, è stata consegnata alla famiglia e oggi pomeriggio sono stati celebrati i funerali, per dire addio al piccolo scomparso improvvisamente e volato in cielo troppo presto. Le indagini sarano necessarie per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente e anche il mezzo agricolo sarà sottoposto ad ulteriori accertamenti.

Oggi i funerali di Mario Graziani a Sgurgola

Giornata di lutto cittadino a Sgurgola, dove, nel pomeriggio, presso la parrocchia di Santa Maria Assunta a Sgurgola, sono stati celebrati i funerali del bamabino. Una piccola bara bianca e poche persone, un paese stretto nel silenzio e nel dolore intorno alla famiglia di Mario. Ad accompagnare il feretro palloncini bianchi e azzurri, liberati in cielo e striscioni con frasi d'affetto. La comunità ha espresso vicinanza ai genitori, accendendo come richiesto dal sindaco, dei piccoli lumini, non potendo partecipare alle esequie a causa delle restrizioni imposte per l'emergenza coronavirus. In occasione dei funerali, come da ordinanza firmata il giorno precedente dal sindaco Antonio Corsi, alle ore 12 il paese ha rispettato un minuto di silenzio in memoria del bambino, mentre scuole, uffici e negozi sono rimasti chiusi, nelle sedi pubbliche è stata esposta la bandiera a mezz'asta in segno di lutto.