Dalla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega all’isolamento del Carroccio nell’Ue. Dalle sanzioni a Mosca agli scontri tra Conte e Salvini. Il sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera evidenzia l’opinione degli italiani su molti temi che sono al centro del dibattito politico negli ultimi giorni. Partiamo proprio dai fondi russi alla Lega: agli intervistati viene chiesto se pensano che quanto emerso finora sia da ritenere grave o meno, facendo in particolare riferimento anche al ruolo del collaboratore di Salvini (Savoini) nel caso. Secondo il 35% del campione si tratta di una vicenda molto grave, mentre la ritiene abbastanza grave il 23%. Al contrario, solo il 12% pensa sia poco grave e il 13% la giudica per nulla grave. Non ha un giudizio sul tema il restante 17%.

Le sanzioni alla Russia

Rimanendo sul tema dei rapporti con la Russia, il sondaggio prende in considerazione l’opinione degli intervistati sulla decisione dei capi di governo europei di mantenere le sanzioni nei confronti di Mosca. Secondo il 39% del campione è “una scelta sbagliata, l’Ue dovrebbe impegnarsi per migliorare le relazioni commerciali e diplomatiche con la Russia”. Al contrario, per il 38% si tratta di una “scelta giusta, l’Ue deve mantenere una posizione ferma in risposta all’annessione illegale di parte dell’Ucraina". Non si esprime il restante 23%.

Le nomine Ue

In questi giorni altro tema al centro della discussione è quello delle nomine europee: proprio in queste ore Ursula von der Leyen verrà sottoposta al voto del Parlamento per diventare la prima presidente donna della Commissione Ue. Ma le trattative per le scelte dei vertici delle istituzioni comunitari non hanno portato risultati positivi per la Lega e l’ipotesi è che possano causare un isolamento maggiore del Carroccio di Salvini in Europa: si tratta di una opinione molto condivisa dagli intervistati per il 14%, abbastanza per il 36%. Al contrario, la lettura è poco (15%) o per nulla condivisa (12%) da una minoranza degli elettori. Non indica una risposta, invece, il 23%,

Gli scontri tra Conte e Salvini

Per l’ultima domanda della rilevazione effettuata da Ipsos si torna invece in Italia, con un tema che riguarda la politica interna del nostro Paese. Si parte da un presupposto: negli ultimi giorni il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il suo vice, Matteo Salvini, hanno sostenuto pubblicamente opinioni “spesso in contrasto tra loro”. Secondo gli intervistati questi screzi “sono il sintomo di un conflitto che potrebbe mettere a rischio la tenuta del governo nei prossimi mesi” nel 46% dei casi. Mentre il 38% degli intervistati ritiene che i contrasti facciano “parte della normale dialettica politica tra le istituzioni”.