La Lega continua a crescere e gli italiani vogliono tornare al voto. È questo lo scenario tratteggiato dal sondaggio effettuato da Winpoll per il Sole 24 Ore e pubblicato nell’edizione cartacea di oggi. La Lega tocca il suo record, raggiungendo nei consensi il 38,9%. A questo si aggiunge un altro dato molto importante, quello riguardante Fratelli d’Italia: il partito di Giorgia Meloni si attesta al 7,4%. Il che vuol dire che insieme i due partiti arriverebbero al 46,3%: numeri che garantirebbero una maggioranza (ampia) in Parlamento, sia alla Camera che al Senato. Tutti gli altri partiti restano, per il momento, indietro. A partire dal Pd che si attesta al 23,3%, rimanendo comunque secondo partito.

Disastroso il risultato del Movimento 5 Stelle che, in caso di elezioni oggi, sarebbe addirittura sotto il 15%: la rilevazione lo stima al 14,8%. Nel centrodestra, invece, Fratelli d’Italia supera Forza Italia: il partito di Silvio Berlusconi si ferma al 6,7%, con più di mezzo punto percentuale di distacco da Fdi. Nel centrosinistra troviamo +Europa al 2,3%, i Verdi all’1,7% e la Sinistra all’1,9%.

Gli italiani chiedono il voto anticipato

Il sondaggio pubblicato dal Sole 24 Ore evidenzia anche un altro aspetto importante: gli italiani vogliono tornare al voto e mettere fine a questa esperienza di governo. Ben il 72% degli intervistati chiede di andare a elezioni anticipate. “Già a maggio – spiega il Sole – in un sondaggio simile il 64% degli intervistati aveva risposto nello stesso modo. Ora tuttavia la percentuale è salita. Adesso è il 72% a preferire il voto alla continuazione dell'attuale governo. È una opinione condivisa dalla maggioranza degli elettori di tutti i maggiori partiti, con la sola eccezione di quelli del M5s”. Tutti quindi vogliono tornare al voto, ma non i 5 Stelle che sperano nella prosecuzione dell’esperienza di governo. Complice anche, probabilmente, il netto calo di consensi dei pentastellati.

Tra i leghisti sono il 58% coloro i quali vorrebbero andare presto al voto. Una scelta che sembra motivata anche dalla situazione economica che vede la crescita italiana ferma al palo, secondo quanto spiega il Sole. ”Chiunque abbia a che fare con il mondo imprenditoriale sa che tira un vento sfavorevole al governo attuale, litigioso e confuso. Certo le aziende continuano sulla loro strada e non mancano numeri positivi, come confermano i risultati semestrali delle società quotate in Borsa. Ma sono il frutto di scelte societarie che raggiungono gli obiettivi nonostante il clima sfavorevole e il teatrino della politica”, si legge ancora sul giornale oggi in edicola.