Covid 19
12 Gennaio 2022
12:23

Quanto dura la quarantena senza la terza dose di vaccino Covid: le nuove regole

Le regole sulla quarantena in caso di contatto stretto con un positivo al Covid sono state modificate dal governo con il decreto del 30 dicembre. Vediamo cosa cambia se non si è vaccinati, si è vaccinati con una o due dosi.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le regole sulla quarantena per chi ha dei contatti stretti con un positivo a Covid sono cambiate con il decreto del governo pubblicato il 30 dicembre, poi illustrate nella seguente circolare del ministero della Salute. La differenza principale riguarda chi ha ricevuto la terza dose di vaccino (o chi ha completato il ciclo primario da meno di quattro mesi), che di fatto non deve più rispettare la quarantena ma osservare un'autosorveglianza. Chi invece non ha ricevuto il vaccino, o ha fatto una dose o la seconda da più di quattro mesi, deve fare una quarantena vera e propria, ma con tempistiche diverse a seconda dei singoli casi. Vediamo insieme le nuove regole sulla quarantena.

Quanti giorni di quarantena per i non vaccinati

Per chi non è vaccinato, ma ha un contatto stretto con una persona positiva al Covid, scatta la quarantena. La durata non è stata cambiata dal decreto del governo: 10 giorni dall'ultima esposizione al caso, al termine dei quali bisogna eseguire un tampone molecolare o antigenico con risultato negativo. A quel punto si può uscire di nuovo.

Quanto dura la quarantena per vaccinati con una o due dosi

Per chi è vaccinato con una dose sola e chi ha completato il ciclo vaccinale con la seconda dose da meno di 14 giorni le regole sono le stesse dei non vaccinati in caso di contatto stretto con un positivo al Covid: anche qui 10 giorni di quarantena con tampone negativo alla fine, va bene sia molecolare che rapido.

Discorso diverso per chi ha fatto la doppia dose di vaccino da più di quattro mesi al momento del contatto con il positivo: per queste persone scatta una quarantena ridotta di 5 giorni (a patto che non compaiano sintomi), al termine dei quali bisogna effettuare il test che deve dare esito negativo.

Quando fare il tampone per uscire dalla quarantena

Il tampone per uscire dalla quarantena bisogna farlo in giorni differenti a seconda dello status vaccinale. Per chi non è vaccinato, è vaccinato con una dose o con due da meno di 14 giorni, il tampone va fatto dopo aver osservato 10 giorni di quarantena. Per chi è vaccinato con due dosi da più di quattro mesi il tampone va fatto al termine dei 5 giorni di quarantena.

Si può uscire dalla quarantena senza fare il tampone?

No, per uscire dalla quarantena è sempre necessario il tampone negativo, che sia antigenico o molecolare. Discorso diverso per chi ha ricevuto la terza dose, per chi ha completato il ciclo primario di vaccinazione (le prime due) da meno di quattro mesi e per chi è guarito dal Covid da meno di quattro mesi. Per queste persone, al momento di un contatto stretto con un caso positivo al Covid, non scatta la quarantena ma l'autosorveglianza: mascherina Ffp2 per dieci giorni e cinque giorni in cui bisogna controllare che non insorgano sintomi. Se si resta asintomatici si può continuare a fare tutto senza restrizioni, ma con un'accortezza ulteriore raccomandata.

29695 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni