269 CONDIVISIONI
16 Luglio 2021
18:17

Green Pass, la proposta di rendere gratuiti i tamponi per chi non si è ancora potuto vaccinare

In Italia ci sono ancora moltissime persone che non hanno avuto accesso al vaccino. E mentre il governo valuta se estendere l’utilizzo del Green Pass (che potrebbe quindi servire anche per prendere un treno, ad esempio) si pensa alla necessità di rendere i tamponi gratuiti per alcune categorie di persone. Chi non si è potuto ancora vaccinare, ad esempio, ma anche le famiglie con bambini che non possono ricevere il vaccino.
A cura di Annalisa Girardi
269 CONDIVISIONI

Con il nuovo aumento dei contagi, causato in gran parte dalla variante Delta, il governo valuta se ricorrere al Green Pass non solo per i grandi eventi, ma anche per prendere un treno o un aereo, così come per entrare in una discoteca. Nella prospettiva di utilizzare sempre di più questo strumento, però, si apre una questione di tipo economico. Ci sono infatti ancora molte persone che non sono state vaccinate in Italia e alcune, come i minori di 12 anni o particolari casi clinici, che non potranno mai farlo: queste dovrebbero sottoporsi a tampone prima di ogni situazione che richiede il Green Pass, e lo dovrebbero fare a loro spese. Tra queste non c'è solo chi non si vuole fare il vaccino, ma anche chi non ne ha ancora avuto accesso: si verrebbe così a creare una situazione in cui una categoria di cittadini, i non vaccinati, finirebbe per essere nettamente sfavorita.

Il governo valuta allora se rendere gratuiti i tamponi, almeno in una serie di circostanze. Secondo il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, si potrebbe "partire dai più fragili, dalle famiglie con bambini che ovviamente non hanno disponibilità del vaccino e se devono partire devono fare il tampone". Sileri ha anche sottolineato di aver scritto al gabinetto del ministro Roberto Speranza già un mese fa in merito al tema, e di aver discusso direttamente con il ministro per trovare una soluzione che possa garantire tamponi gratuiti a coloro che non hanno ancora fatto il vaccino. Sileri ha quindi puntualizzato: "Il tampone diagnostico in caso di sintomi è gratuito, altrimenti si rischia di pensare che in Italia si paghino tutti. Ma un extra numero di tamponi per famiglia, in questo momento in cui esiste un Green Pass scaricabile dopo la vaccinazione o con test diagnostico, determinando un perimetro di categorie a cui poterlo dare e poi estenderlo quanto più possibile, secondo me è un atto dovuto".

Anche i senatori Cinque Stelle nella commissione Igiene e Sanità a Palazzo Madama si sono esposti sul tema, sottolineando che mentre si valuta l'uso del Green Pass per accedere ai grandi eventi, come allo stadio o alla discoteca, sia necessario "ragionare parallelamente su come rendere gratuiti i tamponi per chi non si è potuto ancora vaccinare".

269 CONDIVISIONI
Perché il governo non vuole rendere gratuiti i tamponi per ottenere il green pass
Perché il governo non vuole rendere gratuiti i tamponi per ottenere il green pass
Decreto green pass, via libera della Camera: no ai tamponi gratuiti
Decreto green pass, via libera della Camera: no ai tamponi gratuiti
Green pass sul lavoro, i sindacati continuano a chiedere i tamponi gratuiti per tutti
Green pass sul lavoro, i sindacati continuano a chiedere i tamponi gratuiti per tutti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni