"Oggi parlare o paventare una crisi di governo sarebbe incomprensibile e irresponsabile": lo afferma il Movimento Cinque Stelle in una nota firmata dal capo politico, Vito Crimi, e il capodelegazione al governo, Alfonso Bonafede. "In una fase così difficile come quella che stiamo vivendo i cittadini italiani non vogliono sicuramente vedere una politica che litiga, ma esclusivamente impegnata ad affrontare e risolvere i problemi", aggiungono gli esponenti pentastellati, provando a mettere un punto alle tensioni che ormai da settimane agitano le acque nella maggioranza di governo.

Per i Cinque Stelle, però, adesso è il momento di essere aperti ai compromessi necessari per portare avanti gli impegni di governo, specificatamente quelli presi da questa maggioranza: "Il confronto interno alla maggioranza sui temi politici c’è sempre stato e continuerà ad esserci. Il Movimento 5 Stelle ha sempre dimostrato di affrontare con lealtà e responsabilità gli impegni di governo: abbiamo anche saputo fare passi indietro necessari a compierne ulteriori in avanti, così come abbiamo affrontato con fermezza i temi in cui crediamo e continueremo a farlo. Lo stesso ci aspettiamo da tutte le forze di maggioranza", aggiungono.

Sottolinenando poi la delicatezza del momento storico che stiamo vivendo: "Stiamo ancora affrontando un'emergenza sanitaria che purtroppo non demorde, stiamo definendo in questi ultimi giorni il progetto del Recovery Plan, stiamo lavorando al rilancio dell'Italia per i mesi e gli anni che verranno. Se ci sono questioni politiche aperte, o che necessitano di ulteriori chiarimenti, non manca la disponibilità ad affrontarli nei modi e nelle sedi opportune". I pentastellati aprono quindi al confronto, ma ribadiscono che in questo momento la priorità sia garantire la stabilità del governo per affrontare le sfide che abbiamo di fronte: "L'obiettivo comune di tutti però deve restare quello di garantire al nostro Paese un governo solido, capace di affrontare con spirito collaborativo e costruttivo l'agenda politica che dobbiamo realizzare".