5 Settembre 2021
16:10

G20 Salute, al via gli incontri a Roma: oggi si parla dell’impatto della pandemia di Covid

È iniziato oggi il G20 Salute a Roma, che prevede due giorni di incontri e discussioni per valutare in primis l’impatto della pandemia di coronavirus sugli obiettivi in ambito sanitario dell’Agenda 2030, ma non solo. Si parlerà anche di come rendere più resilienti i sistemi sanitari mondiali per prepararli a possibili crisi future e come rafforzare la cooperazione tra i Paesi.
A cura di Annalisa Girardi

"Questa mattina ho incontrato Sajid Javid, Segretario di Stato per la Salute e gli Affari sociali del Regno Unito, il Ministro della Salute indiano, Mansukh Mandaviya e il Ministro della Salute della Federazione Russa, Michail Muraško. Il G20 che si sta svolgendo è un'occasione per rafforzare le relazioni internazionali e rilanciare i valori universalistici della salute": lo ha scritto il ministro della Salute, Roberto Speranza, sui suoi canali social nella prima giornata del G20 Salute, a Roma.

L'evento, che continuerà anche domani. Una prima sessione sarà dedicata all'impatto della pandemia di coronavirus sugli obiettivi di sviluppo dell'Agenda 2030, dal momento che la prolungata crisi sanitaria è una delle prime minacce all'avanzamento previsto. In alcune aree del mondo si calcola che l'emergenza Covid 19 possa aver provocato un ritardo di decenni. Si parlerà di come una risposta alla pandemia non possa prescindere dal sostegno ai Paesi più fragili e, in questo senso, del diritto universale alle cure sanitarie.

Uno slogan del G20 Salute è "Build Back Better", cioè non solo ricostruire quello che c'era prima della pandemia, ma renderlo migliore. In particolare, più resiliente di fronte alle possibili crisi sanitarie future. I titolari della Salute dei Paesi del G20 discuteranno di una ripresa che tenga conto delle lezioni apprese in tempi di pandemia, ma non solo. La seconda sessione si concentrerà sulle modalità concrete con cui prevenire crisi future e le risposte più appropriate. Si discuterà di come migliorare la capacità di collaborazione e coordinamento a livello internazionale, che dovrà sempre fare riferimento all'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità.

Si tratterà degli investimenti sui sistemi sanitari, che in diversi casi si sono trovati impreparati all'emergenza. Ci sarà anche un focus sui professionisti del settore e sulle possibilità offerte dalle nuove tecnologie. Infine, la terza sessione si concentrerà sui cosiddetti "control tools", che ci stanno permettendo di contrastare con efficacia la pandemia. In primis i vaccini. Si discuterà dell'accesso globale ai farmaci e dei meccanismi di collaborazione tramite cui donare le dosi. L'obiettivo finale è quello di mandare un messaggio di cooperazione e solidarietà, che si traduce in poche parole: nessuno deve essere lasciato indietro.

Covid, che cos'è il Patto di Roma firmato dai ministri della Salute del G20
Covid, che cos'è il Patto di Roma firmato dai ministri della Salute del G20
Terza dose di vaccino contro il Covid al via da oggi: il calendario delle somministrazioni
Terza dose di vaccino contro il Covid al via da oggi: il calendario delle somministrazioni
Speranza: "Presto estensione del green pass, da settembre via alle terze dosi per i fragili"
Speranza: "Presto estensione del green pass, da settembre via alle terze dosi per i fragili"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni