515 CONDIVISIONI
7 Gennaio 2022
17:57

Altre 4 Regioni in zona gialla da lunedì: l’ordinanza del ministro Speranza

Il ministro della Salute Speranza ha appena firmato l’ordinanza che decreta il passaggio in fascia gialla da lunedì 10 gennaio per altre quattro Regioni.
A cura di Annalisa Cangemi
515 CONDIVISIONI

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha appena firmato una nuova ordinanza. Dalla prossima settimana, lunedì 10 gennaio, la mappa colorata delle Regioni italiane cambierà ancora: la maggior parte del Paese è ormai in zona gialla. Dopo ultimi dati analizzati dalla Cabina di regia del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità altre quattro regioni passeranno in zona gialla. Si tratta di Abruzzo, Toscana, Valle d'Aosta ed Emilia-Romagna, al momento ancora in zona bianca, ma per poco.

Queste quattro Regioni si sommano alle altre undici che sono già colorate di giallo, e cioè Lombardia, Lazio, Piemonte, Sicilia, Liguria, Marche, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Calabria e le Province autonome di Bolzano e Trento.

In bilico c'era anche la Campania, che però come ha annunciato il presidente della Regione Vincenzo De Luca non passa nella fascia di rischio più alta: "La Regione Campania rimane in zona bianca ed è veramente un risultato straordinario, ma abbiamo un indice di Rt dell'1,6 per cento. Siamo la Regione più a rischio. Vediamo fino a quando reggeremo ma siamo fortemente a rischio", ha detto durante la diretta Facebook del venerdì.

Prossimamente per la Liguria potrebbe invece scattare la zona arancione: la Regione è ha superato l'indicatore del 30% di ricoveri ordinari (al 34,2%), e ha quasi raggiunto quello del 20% per le terapie intensive (al 19,5%). I parametri che servono a decretare il passaggio in zona gialla, oltre all'incidenza settimanale dei casi per centomila abitanti già ampiamente sopra soglia, sono due: il tetto massimo del 10% di posti occupati da pazienti Covid nelle terapie intensive e quello del 15% di posti occupati da pazienti Covid nei posti ordinari. A rientrare in questi parametri sono appunto Abruzzo, Emilia-Romagna, Toscana e Val d’Aosta.

La situazione in Abruzzo, Toscana, Valle d'Aosta ed Emilia-Romagna

I parametri delle quattro Regioni che da lunedì entreranno in zona gialla mostrano una situazione in peggioramento. In Abruzzo l'occupazione dei posti letto nei reparti di terapia intensiva è pari al 13,3% rispetto alla soglia critica del 10%. Stesso discorso per i ricoveri nei reparti ordinari, dove c’è un tasso di occupazione del 18,7%, quasi 4 punti percentuali oltre il limite del 15%.

In Emilia-Romagna abbiamo percentuali ancora più allarmanti: siamo al 15,7% per quanto riguarda le rianimazioni, e al 19,4% in aera medica. In Toscana la situazione è lievemente migliore per quanto riguarda i reparti ordinari, pieni al 17,9%, mentre le terapie intensive hanno una percentuale d'occupazione del 17,2%. Qui l'incidenza è altissima: 2.680 casi per 100mila abitanti.

In Val d'Aosta non va meglio, con un'incidenza di 2.255,9 casi ogni 100mila abitanti. L'area medica è satura, con una percentuale di riempimento del 42,4%; le rianimazioni sono occupate al 15,2%.

Se osserviamo la situazione a livello nazionale, il tasso medio di occupazione da parte di pazienti Covid nei reparti di terapia intensiva è al 15,4%, rispetto al 12,9% (rilevazione al 30 dicembre). In aumento anche la percentuale di occupazione dei reparti di area medica a livello nazionale che sale al 21,6% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 6 gennaio) rispetto al 17,1% del 30 dicembre.

515 CONDIVISIONI
Maltempo, allerta meteo per temporali lunedì 2 maggio: le regioni a rischio
Maltempo, allerta meteo per temporali lunedì 2 maggio: le regioni a rischio
Speranza al ministro della Salute ucraino: "Nostri ospedali aperti per chi fugge dalla guerra"
Speranza al ministro della Salute ucraino: "Nostri ospedali aperti per chi fugge dalla guerra"
Tutte le bugie dette dal ministro degli esteri russo Lavrov a Zona Bianca su Rete4
Tutte le bugie dette dal ministro degli esteri russo Lavrov a Zona Bianca su Rete4
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni