19 Ottobre 2021
16:51

Il Devozioni Festival torna dopo lo stop per il Covid: musica e teatro a Torre Annunziata

Arte e tradizione, religione e musica sono alcuni degli ingredienti di Devozioni Festival, la rassegna che torna dopo lo stop dovuto alla pandemia di Covid a Torre Annunziata. Ideata e diretta da Gigi Di Luca, la manifestazione si terrà dal 20 al 24 ottobre e come sempre sarà dedicata alla religiosità popolare.
A cura di Redazione Napoli

Arte e tradizione, religione e musica sono alcuni degli ingredienti di Devozioni Festival, la rassegna che torna dopo lo stop dovuto alla pandemia di Covid a Torre Annunziata. Ideata e diretta da Gigi Di Luca, la manifestazione si terrà dal 20 al 24 ottobre e come sempre sarà dedicata alla religiosità popolare in occasione dei festeggiamenti per la celebrazione della Madonna della Neve, santa patrona della città vesuviana. Un'occasione speciale per tornare a godere a capienze maggiorate della musica, del teatro e della Cultura che per oltre un anno ha vissuto di eventi cancellati e pubblico ridotto.

Un progetto, quello del Comune di Torre Annunziata che – nato nel 2018 – tende a valorizzare il proprio patrimonio culturale e storico, riscoprendo le proprie radici e nuovi e vecchi percorsi di fede con un programma che alternerà musica, teatro, laboratori artistici e percorsi turistico-culturali. Grande attesa per i tre concerti principali, quello di mercoledì 20 alla Basilica della Madonna della Neve con Fiorenza Calogero, Marcello Vitale e Carmine Terracciano, il live di Enzo Gragnaniello previsto per sabato 23 ottobre al Molo Crocelle e, a chiusura del festival, domenica 24 sempre al Molo Crocelle, il concerto di Mimmo Maglionico e Pietrarsa, con ospiti Fausta Vetere, Patrizio Trampetti e Marcello Colasurdo. Alla musica si aggiungono, ovviamente, le visite guidate ma anche sei spettacoli teatrali che vanno da "Fuoco", show circense con effetti pirotecnici (giovedì 21 in Villa Comunale) a cura della Compagnia dei Folli, fino a "Sottosopra" di e con Gea Martire (domenica 24 a Palazzo Criscuolo), passando per "La Conversione di un Cavallo, 23 Tableaux Vivants dall'opera di Michelangelo Merisi da Caravaggio" della Compagnia Ludovica Rambelli Teatro (giovedì 21 alla Chiesa del Carmine) e per "Stanze d’Identità Teatrale", spettacolo itinerante tra le stanze del museo, diretto da Gigi Di Luca (sabato 23 ottobre a Palazzo Criscuolo).

Il filo che lega tutti gli appuntamenti lo ribadisce lo stesso direttore artistico che dice: "Quindici appuntamenti collegati da un'unica idea tematica, la devozione: devozione per le passioni, devozione per la vita, la stessa che ci spinge a migliorare se stessi e il proprio rapporto con gli altri. Insomma, uno slancio vitale quantomai necessario dopo la chiusura a cui ci ha obbligati la terribile pandemia da Covid-19. Ecco perché ‘Devozioni' vuole essere un contenitore dove a trovare spazio sono innanzitutto le riflessioni, riflessioni sull’uomo e sulla sua identità collettiva". Il Sindaco Di Torre Annunziata Vincenzo Ascione, invece, pone l'attenzione sull'aspetto più religioso: "‘Devozioni’ rappresenta per la città il giusto mix di tradizione, cultura e folklore che in un momento di emergenza sanitaria diventa una proposta necessaria per dare impulso alla ripartenza della vita sociale, culturale e religiosa. E come ogni anno si rinnova il comune voto di fede e di speranza nella intercessione della nostra Maria Santissima della Neve".

Il giuramento della Nunziatella torna in piazza del Plebiscito dopo lo stop per Covid nel 2020
Il giuramento della Nunziatella torna in piazza del Plebiscito dopo lo stop per Covid nel 2020
Trova per strada un portafogli pieno e lo restituisce: il bel gesto a Torre Annunziata
Trova per strada un portafogli pieno e lo restituisce: il bel gesto a Torre Annunziata
A Napoli torna il Comicon dopo 2 anni di stop per Covid: c'è il pulcinella di Frank Miller
A Napoli torna il Comicon dopo 2 anni di stop per Covid: c'è il pulcinella di Frank Miller
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni