Elezioni comunali Milano 2021
1 Ottobre 2021
9:47

Elezioni Milano 2021, chi sono i candidati sindaco: nomi e liste

I principali candidati a sindaco per le elezioni a Milano, in programma tra pochi giorni, sono il primo cittadino uscente Beppe Sala e il candidato del centrodestra Luca Bernardo, a cui si aggiunge Layla Pavone del Movimento 5 Stelle. Sono ben 13 i nomi dei candidati sindaco che gli elettori troveranno sulla scheda elettorale il 3 e 4 ottobre: vediamo chi sono, quali sono le liste a essi collegate e quale programma hanno in mente per la città.
A cura di Simona Buscaglia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni comunali Milano 2021

Tra pochi giorni si vota per le elezioni comunali a Milano: la sfida per eleggere il sindaco della città vede tra i candidati, il primo cittadino uscente e candidato del centrosinistra Beppe Sala e il candidato di centrodestra Luca Bernardo. Ai due sfidanti per Palazzo Marino si aggiunge Layla Pavone, il candidato del Movimento 5 Stelle, ma sono ben 13 i nomi dei candidati sindaco che gli elettori troveranno sulla scheda. Oltre che per il primo cittadino, si vota anche per eleggere i 48 consiglieri, i 9 presidenti dei Municipi e i componenti dei relativi consigli. Andiamo a vedere chi sono i candidati sindaco alle elezioni comunali di Milano, e quali liste li sostengono.

  • Giuseppe Sala
  • Luca Bernardo
  • Layla Pavone
  • Bryant Biavaschi
  • Teodosio De Bonis
  • Mauro Festa
  • Giorgio Goggi
  • Gabriele Mariani
  • Marco Muggiani
  • Gianluigi Paragone
  • Alessandro Pascale
  • Bianca Tedone
  • Natale Azzaretto

Beppe Sala

Il sindaco uscente Giuseppe Sala è il candidato del centrosinistra alle prossime elezioni comunali a Milano. Beppe Sala è sostenuto da otto liste: tra queste il Partito Democratico, la Milano radicale con Sala, Europa Verde, Milano Unita – Sinistra per Sala, I riformisti con Sala, Milano in Salute, Volt e la lista Beppe Sala sindaco.

Luca Bernardo

Il candidato del centrodestra è il pediatra Luca Bernardo. Impegnato contro il bullismo è nato nel 1967 a Milano da una famiglia di origini palermitane, e da oltre 16 è il direttore del Dipartimento di pediatria dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano. È sposato e ha una figlia ormai grande, che studia Giurisprudenza all'università. È direttore del Centro di coordinamento nazionale cyberbullismo, per questo motivo sul tema è stato ospite di diverse trasmissioni televisive. Nel 2006 si era già candidato alle Comunali con Letizia Moratti, collezionando solo 200 preferenze. Il fratello Maurizio è stato assessore regionale e deputato, passando da Forza Italia al Pd. Bernardo è sostenuto da 6 liste: Lega per Salvini premier, Forza Italia, Lista civica Luca Bernardo, Milano Popolare Maurizio Lupi, Fratelli d'Italia, Partito Liberale europeo.

Layla Pavone

Il Movimento cinque Stelle ha indicato Layla Pavone come candidata sindaco a Milano alle prossime elezioni amministrative. Nata a Milano, Pavone è attualmente amministratore delegato di Industry Innovation di Digital magics. Prima che il partito indicasse un nome, la base del M5s aveva indicato Elena Sironi, consigliera uscente del Municipio, che adesso invece ricoprirà il ruolo di capolista. Viene sostenuta dalla lista del M5S.

Bryant Biavaschi

Il candidato di "Milano inizia qui" è Bryant Biavaschi. La sua idea di politica punta a portare maggiore "ottimismo ed entusiasmo per lavorare al servizio dei cittadini e non perderci nel discorso legato alle ideologie". Ha 36 anni, una laurea in economia, ha lavorato in Inghilterra, a Brighton e Londra e ha vissuto anche in Irlanda e in Olanda. Vive e lavora sui Navigli a Milano. È sostenuto dalla lista Milano inizia qui.

Teodosio De Bonis

Teodosio De Bonis, classe 1953, è nato a Pietragalla, in provincia di Potenza e si è poi laureato in Medicina e chirurgia a Napoli. Dal 1980 si è trasferito a Milano, dove si è specializzato in Anestesiologia e rianimazione. È il candidato del movimento 3V, che si definisce "l’unico partito politico che chiede verità e mette al centro di ogni azione politica il benessere e la salute dell’essere umano". Si tratta di un movimento chiaramente anti vaccinista, sorto in seguito alla pandemia di Coronavirus. È sostenuto dalla lista Movimento 3V.

Mauro Festa

Mauro Festa è il candidato del partito gay. Al centro del suo programma politico c'è sicuramente la parità di genere, che non è intesa solo come uguaglianza tra uomo e donna. L'obiettivo, come ha dichiarato lui stesso in diverse interviste, è quello di ridurre le disuguaglianze. Si punterà molto anche sulla questione ambientale, per rendere Milano una città ecosostenibile. È sostenuto dalla lista del Partito Gay.

Giorgio Goggi

Il candidato dei Socialisti è Giorgio Goggi, volto noto della politica milanese, che ha già ricoperto il ruolo di assessore ai trasporti nella giunta Albertini. Goggi, che di mestiere fa l'architetto, ritiene il nodo della mobilità centrale nel suo programma. Parcheggi d’interscambio, secondo passante e riapertura dei Navigli sono alcune delle soluzioni proposte. È sostenuto dalle liste Milano Liberale e Socialisti di Milano.

Gabriele Mariani

Gabriele Antonio Mariani, 58 anni, dall’esperienza col Partito democratico è il candidato sindaco appoggiato da "Milano in Comune" e dalla lista Civica Ambientalista. "La mia visione della città non è alternativa, ma l’unica di buon senso" aveva raccontato in un'intervista a Fanpage.it. È nato a Milano ed è vissuto al Corvetto, anche se adesso vive a Segrate assieme al compagno, con cui è unito civilmente. È sostenuto dalle liste Milano in comune e Civica AmbientaLista.

Marco Muggiani

Marco Muggiani è il candidato sindaco del Partito comunista italiano. In un'intervista poco tempo fa aveva dichiarato: "Stiamo cercando di riscoprire i diritti fondamentali dei cittadini come quello al lavoro, alla casa e il diritto a possedere una Milano pubblica. Abbiamo notato che Milano sta diventando bella da vedere ma deve anche diventare bella da vivere, con un lavoro per tutti". È sostenuto dalla lista del PCI.

Gianluigi Paragone

Gianluigi Paragone, senatore di Italexit, è in corsa per la poltrona più ambita di Palazzo Marino. "Il modello di Sala non mi piace. Oggi Milano non è una città internazionale: è una metropoli globalizzata e quindi priva di anima" ha dichiarato qualche mese fa Paragone. Tra i temi al centro della sua campagna ci sono lo stadio di San Siro, al mobilità, la sicurezza e le Ztl. È sostenuto dalle liste Milano Paragone sindaco Italexit e Grande Nord.

Alessandro Pascale

Alessandro Pascale è il candidato del Partito comunista. Valdostano d'origine, ha trentacinque anni, è stato coordinatore del Giovani Comunisti della Valle d'Aosta, organo giovanile della Rifondazione Comunista. Ora vive e lavora a Milano da diverse anni. È sostenuto dalla lista del Partito Comunista.

Bianca Tedone

Bianca Tedone è l'altra donna candidata alle prossime elezioni amministrative a Milano, oltre a Layla Pavone. "In questa città abbiamo due destre: una è quella di Sala e l’altra è quella del centrodestra. Sono nemici, rappresentano il nostro nemico e un modello di sviluppo che noi vogliamo abbattere" aveva dichiarato qualche mese fa in un'intervista a Fanpage.it. La candidata di Potere al Popolo aveva aggiunto che Milano "è stata costruita come un parco giochi per ricchi" e "il modello di città è stato costruito per schiacciare le fasce più deboli e le donne". È sostenuto dalla lista di Potere al popolo.

Natale Azzaretto

Natale Azzaretto, professore di scuola media di 69 anni, si presenta come il candidato di una delle tre diverse liste di ispirazione comunista in lizza per la poltrona più importante di Palazzo Marino. Insegnante  di Lettere in un istituto della periferia milanese, a Baggio, critica la politica dell'amministrazione Sala, che a suo dire ha favorito i "poteri forti". Si era già presentato da autonomo alle elezioni del 2011 e del 2016: corre per il Partito comunista dei lavoratori. È sostenuto dalla lista del Partito Comunista dei lavoratori.

113 contenuti su questa storia
Ballottaggio elezioni Nerviano tra Cozzi e Colombo: gli orari per votare
Ballottaggio elezioni Nerviano tra Cozzi e Colombo: gli orari per votare
Milano, Comazzi (Forza Italia): "La giunta Sala creata ad arte per non mettere in ombra il sindaco"
Milano, Comazzi (Forza Italia): "La giunta Sala creata ad arte per non mettere in ombra il sindaco"
Monica Romano, prima consigliera transgender a Milano: "Mi impegnerò contro ogni tipo di violenza"
Monica Romano, prima consigliera transgender a Milano: "Mi impegnerò contro ogni tipo di violenza"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni