5 Ottobre 2021
11:18
AGGIORNATO05 Ottobre

Gli aggiornamenti di martedì 5 ottobre sulle elezioni comunali in Italia

I risultati definitivi delle elezioni comunali 2021 hanno scatenato le reazioni della politica e dei leader di partito. Il centrosinistra ha vinto a Napoli con Gaetano Manfredi, a Milano con Beppe Sala e a Bologna con Matteo Lepore. Dal M5S Conte ha parlato di risultato straordinario, sottolineando come sia finita l'epoca in cui il Movimento andava da solo a tutti i costi. La reazione di Valentina Sgagna da Torino: "Bisogna esserci anche dove si perde". Il riferimento è relativo non solo alla situazione del capoluogo piemontese ma anche e soprattutto a Roma, dove Virginia Raggi è arrivata ultima ed è stata lasciata sola dai big del M5S. E a Roma, dove il primo turno non ha decretato un vincitore, si inizia a parlare di possibili apparentamenti per il ballottaggio Michetti-Gualtieri. Quest'ultimo ha già invitato Calenda a supportarlo, ma il leader di Azione, la cui lista è la più votata nella Capitale, ha rispedito la proposta al mittente. Anche Virginia Raggi ha dichiarato che non sosterrà nessun candidato al ballottaggio. Salvini fa autocritica in relazione al dato dell'affluenza, fermo al 54,69%. Renzi: "Sovranisti hanno straperso".

05 Ottobre
20:44

Salvini e Meloni al lavoro insieme in vista dei ballottaggi

Come riportano alcune agenzie di stampa, Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono sentiti in queste ore. I due leader del centrodestra si sarebbero detti "d'accordo di lavorare insieme in vista dei ballottaggi" di queste amministrative.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
20:25

Santori: "Rivoluzione nazionale del campo progressista partirà da Bologna"

"La politica ha fatto un invito ben preciso e l'elettorato ha risposto con una scelta altrettanto netta. Se la rivoluzione nazionale del campo progressista deve cominciare da qualche parte, io ad oggi scommetterei senza ombra di dubbio su Bologna": lo ha detto Mattia Santori, leader delle Sardine più votato tra le fila del Pd al consiglio comunale di Bologna.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
19:33

Letta: "No accordi di vertici ai ballottaggi, scelgano gli elettori"

"Niente accordi di vertice: sono elezioni per le città, saranno i singoli candidati che parleranno agli elettori e gli elettori dovranno scegliere, non è il secondo tempo di una partita, il ballottaggio è tutta un'altra partita. I nostri candidati saranno convincenti": così Enrico Letta al Tg3 parlando di secondo turno.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
19:13

Meloni: "Al secondo turno non ci sono vie di mezzo, da che parte si sta?"

"Era il primo turno, ora siamo al secondo: c'è un'opzione di centrodestra e una di centrosinistra, da che parte si sta? Fine dei giochi, non c'è più una via di mezzo": così Giorgia Meloni parlando delle elezioni amministrative, in particolare a Roma, durante la registrazione di ‘Porta a porta'.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
18:55

Raggi: "In pochi avrebbero resistito agli attacchi di 5 anni, auguri agli avversari"

"È stato un onore essere alla guida di questa meravigliosa città, la mia città.Dopo 5 anni di attacchi violentissimi, anche personali, ai quali in pochi avrebbero resistito, ho ottenuto poco meno di quanto hanno ottenuto le corazzate di centrodestra e centrosinistra. E questo è un dato da tenere in conto e su cui nei prossimi giorni faremo necessariamente una riflessione": lo scrive in un post su Facebook la sindaca uscente di Roma, Virginia Raggi. E agli avversari: "Ai miei avversari, ora al ballottaggio, faccio i migliori auguri perché gestire questa città è un compito complesso, impegnativo come pochi".

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
18:07

Draghi sulle amministrative: "Non hanno indebolito il governo, ma non so se lo hanno rafforzato"

I risultati delle amministrative non hanno una ripercussione diretta sul governo, secondo il presidente del Consiglio Mario Draghi. Durante la conferenza stampa, dopo l'approvazione della delega fiscale in Cdm, ha detto "Non credo che il risultato delle elezioni abbia in qualche modo indebolito il governo. Però non so nemmeno se l'ha rafforzato. So che ci sono tanti articoli sui giornali che dicono che il governo esce vincitore, diciamo che devo capire bene la logica. Allo stesso tempo non mi pare sia stato indebolito".

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
17:39

Amministrative 2021, Salvini: "Lega conquista 69 sindaci in più"

Per il leader della Lega Matteo Salvini questa tornata elettorale non segna una sconfitta per la Lega, che porta a casa 69 sindaci (46 al Nord, nel Centro 17 e a Sud 6)  in più e 300 nuovi consiglieri comunali: "Centrosinistra ha confermato quello che aveva ma ha perso quello che ora ha la Lega".

"Ho fatto personalmente gli auguri ai sindaci di Milano, Bologna e Napoli, perché sono sindaci di tutti. Conto che anche gli altri facciano gli auguri ai 69 nuovi sindaci della Lega. Mi auguro che se ne aggiungano altri dopo i ballottaggi, potremmo arrivare a un centinaio in più su 1.300 comuni al voto. Sarebbe un incremento del 10%".

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
17:15

Durigon: "Liste della Lega in discesa in tutt'Italia, ma puntiamo su Roma"

"Liste della Lega in discesa? Sicuramente c'è stata un po' in tutta Italia questa discesa, anche su Roma. Nella Capitale con 4 candidati sindaco, che ognuno tirava per sé, abbiamo risentito anche di questa cosa ma è in linea con quello che è accaduto a livello nazionale": così l'ex sottosegretario Claudio Durigon ha commentato il risultato delle elezioni amministrative. E ha aggiunto: "Punteremo su questa vittoria a Roma per mandare via il centro sinistra da questo governo capitolino".

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
16:44

Nencini: "Salvini e Meloni in affanno, grillini spazzati via"

"Spazzati via i grillini, sconfitto con gravi perdite Salvini, Meloni in affanno. Accanto al forte astensionismo, questi i dati più significativi del turno elettorale. Poi viene la vittoria del centrosinistra. Attenti, però, a cullarsi nella bambagia. È senza possibilità di appello la disfatta grillina: a nord non esistono, a sud resistono appena. Temo invece che il fronte Lega-Fratelli d'Italia non sia affatto in via di dissoluzione": lo ha detto il senatore del Psi, Riccardo Nencini.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
16:32

Giani: "Alle elezioni risultato straordinario del centrosinistra"

"Il commento è uno solo: straordinario. Prima delle elezioni si diceva che la Toscana sarebbe stata rimessa in discussione. In realtà su 31 comuni al voto, due vanno al ballottaggio con un ottimo risultato dell'esponente del centrosinistra. Tolti questi due comuni, negli altri 29 in 19 ha vinto il centrosinistra": questo il commento del presidente della Toscana, Eugenio Giani, commentando il risultato delle elezioni amministrative.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
15:49

Conte: "È finita la stagione in cui il Movimento 5 Stelle andava da solo a tutti i costi"

"È finita nel Movimento 5 Stelle la stagione in cui si andava a tutti costi orgogliosamente da soli". L'annuncio arriva dal presidente del partito, Giuseppe Conte, dopo la conclusione della tornata di elezioni comunali: "C'è già stata una svolta – spiega – il Movimento è disposto a costruire un percorso comune, non lo disdegna più come invece in quella fase più antica della sua storia".

A cura di Tommaso Coluzzi
05 Ottobre
15:44

Elezioni Milano, Bernardo chiama Sala: "Il tempo delle polemiche è finito"

"Ho chiamato il sindaco Beppe Sala per congratularmi – ha annunciato Luca Bernardo, candidato del centrodestra alle elezioni a Milano – il voto è sempre da rispettare". Secondo il candidato, uscito sconfitto, "il tempo delle polemiche è finito, è importante collaborare per il bene dei milanesi".

A cura di Tommaso Coluzzi
05 Ottobre
14:57

Michetti: "A Roma siamo in testa, abbiamo vinto la prima parte. Ora parliamo di programmi"

"I risultati sono quelli di un primato perché noi siamo in testa. Ringrazio la coalizione che su dimostrata leale, a partire dai leader. Siamo in testa, abbiamo vinto la prima parte della partita": così il candidato sindaco a Roma, Enrico Michetti, in conferenza stampa insieme a Giorgia Meloni. "Ora dobbiamo iniziare a parlare dei programmi", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
14:49

Torino, Sganga a Conte: "Bisogna mettere la faccia anche dove si perde"

"Conte? Non l'ho sentito e mi è dispiaciuta la presenza solo a Napoli… Per ripartire, per ricostruire, bisogna metterci la faccia anche dove si perde, come a Torino e Roma": lo afferma Valentina Sganga, la candidata sindaca a Torino del Movimento Cinque Stelle, che è stata superata sia dal candidato del centrodestra che da quello di centrosinistra e non sarà quindi al ballottaggio. "In un posto dove si perde, un domani si può vincere, ma ci si riesce stando vicino alle persone che su quel territorio si sono spese…", ha detto ai microfoni del Tgr Piemonte.

A cura di Annalisa Girardi
05 Ottobre
14:16

Elezioni amministrative 2021, il Pd è primo a Milano, Torino e Bologna

Questa tornata elettorale mostra una chiara crescita del centrosinistra: il Pd è il primo partito in molte città. A Torino, dove ad arrivare primo è proprio il candidato del centrosinistra Lo Russo, i dem sono il primo partito della città, col 28,56% dei voti, seguito con quasi il 5% dalla Lista Civica Lo Russo Sindaco. A Bologna, nonostante il Partito Democratico abbia perso qualche punto percentuale rispetto alle regionali emiliano-romagnole di quasi due anni fa, è il primo partito con il 36,5%. A Milano, dove ha vinto al primo turno il sindaco uscente Beppe Sala, il Pd si conferma il primo partito con una percentuale sopra il 33%, quindi superiore al 29% del 2016.

Funziona in generale l'alleanza con il M5s che, da solo, crolla praticamente ovunque, a cominciare dalle città che ha governato, Torino e Roma, dove ottiene solo un terzo dei voti rispetto a quelli ottenuti nel 2016 (al 10% a Roma e sotto il 9% a Torino).

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
13:36

Calenda chiede al Pd di scaricare i 5Stelle: "Abbandonateli al loro destino"

"Io credo che al netto di Roma sia arrivato il momento per il Pd di fare una scelta riformista e abbandonare i 5S al loro destino". Lo scrive su Twitter Carlo Calenda, leader di Azione, che a Roma si è posizionato terzo, davanti a Virginia Raggi. "Vale anche – aggiunge – per coloro che davvero si richiamano ai valori dei popolari europei e che non vogliono morire sovranisti".

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
13:30

Record in Calabria, per la prima volta sei donne in Consiglio regionale

Per la prima volta nella storia in Calabria saranno sei le donne a sedere tra i banchi del Consiglio regionale nella prossima legislatura. La presenza di sei donne, cinque delle quali esponenti della coalizione vincente di centrodestra, è un dato record, sul quale probabilmente ha influito anche la nuova norma sulla doppia preferenza di genere approvata dal Consiglio regionale lo scorso novembre, qualche settimana dopo la scomparsa della governatrice Jole Santelli, prima presidente donna nella storia della Regione Calabria.

In Consiglio regionale entreranno la candidata del centrosinistra alla presidenza, Amalia Bruni, e poi Katya Gentile, eletta con Forza Italia nella circoscrizione Nord (8.091 preferenze), Pasqualina Straface, ex sindaco di Corigliano (Cosenza), eletta con Forza Italia nella circoscrizione Nord (6.520 preferenze), Simona Loizzo, eletta con la Lega nella circoscrizione Nord (5.360 preferenze), Luciana De Francesco, eletta con Fratelli d'Italia sempre nella circoscrizione Nord (4.564 preferenze) e infine Valeria Fedele, direttore generale della Provincia di Catanzaro, eletta con Forza Italia nella circoscrizione Centro (7.962 preferenze).

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
12:57

In Calabria Forza Italia è il primo partito, Lega e Fdi in calo

Nel fronte del centrodestra, Fratelli d'Italia complessivamente va meglio della Lega (a Milano si ferma all'11%). Ride solo Silvio Berlusconi, che può rivendicare la vittoria delle Regionali in Calabria con il suo candidato, l'azzurro Roberto Occhiuto.

Forza Italia è il primo partito in Calabria. Al termine dello spoglio, FI ottiene il 17,31% salendo di 5 punti rispetto alle regionali del 2020 (12,34%) e di 4 punti rispetto alle Europee del 2019. Un dato ancora migliore se si considera della lista Forza Azzurri, diretta emanazione di Fi, che ha ottenuto il 6,52%. In calo invece gli altri due principali partiti della coalizione, con la Lega che subisce anche il sorpasso di Fratelli d'Italia. Il partito di Salvini perde 4 punti, scendendo dal 12,25% di un anno fa all'8,33% delle consultazioni del 3 e 4 ottobre e perdendo il 14% rispetto alle europee (22,61%). Viene così sorpassato da Fdi con l'8,70% che comunque scende di 2 punti rispetto alle regionali del 2020 e di poco meno rispetto alle Europee. Il secondo partito nella regione, è il Pd con il 13,18%.

Berlusconi porta a casa anche un primo posto a Trieste, dove il candidato sindaco Dipiazza (Forza Italia), che è anche il sindaco uscente, può puntare alla riconferma al ballottaggio con Russo. A Torino invece a Torino il candidato del centrosinistra Stefano Lo Russo è avanti rispetto allo sfidante di Torino Bellissima e del centrodestra, Paolo Damilano, vicino alla Lega, e in particolare all'ala moderata del ministro Giorgetti.

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
12:44

Appello di Meloni a Salvini e Berlusconi: "Serrare i ranghi, Cdx non può andare in ordine sparso"

Durante la conferenza stampa con Enrico Michetti a Roma la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni rivendica il risultato del suo partito, al netto di una generale sconfitta del centrodestra: "Mi pare che non si possa dire che FdI in queste elezioni amministrative non abbia fatto la sua parte, non sia cresciuta. Stiamo parlando di un'ottima affermazione che intendo rivendicare".

"Vedo un centrosinistra compatto e un centrodestra che a volte va un po' più in ordine sparso, invece adesso bisognerà serrare i ranghi ancora di più perché il conflitto ora si polarizza", ha detto, parlando dei ballottaggi, in particolare di quello nella Capitale, il 17 e 18 ottobre, annunciando che oggi sentirà sia Matteo Salvini sia Silvio Berlusconi, per chiedergli di confermare l'impegno da parte di tutti.

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
12:26

A Roma la più votata è la consigliera Rachele Mussolini, nella lista di FdI

Dopo il 40% dello spoglio, in testa alle preferenze per l'Assemblea Capitolina nel voto per le comunali a Roma c'è la consigliera uscente Rachele Mussolini, candidata nella lista Fratelli d'Italia. Finora la Mussolini ha raccolto circa 3.400 preferenze e attualmente risulta la più votata in città davanti a Maurizio Veloccia e Sabrina Alfonsi del Pd, che si attestano al momento rispettivamente a 2.700 e 2.500 voti. Nel 2016 la consigliera aveva ottenuto 657 preferenze ed era stata eletta nella lista civica di Giorgia Meloni. Rachele è figlia di Romano Mussolini, uno dei figli del Duce.

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
12:06

Meloni sfida Letta: "Se siete così sicuri di battere la destra andiamo al voto subito"

"Sfido pubblicamente Enrico Letta: visto che siete cosi' sicuri di battere la destra, siate coerenti e torniamo subito al voto. O forse avete paura? Visto che in questi ultimi anni avete fatto il possibile per evitare di affrontare Fratelli d'Italia e la coalizione di centrodestra nelle elezioni nazionali". ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Ieri il segretario del Pd Enrico Letta, che ha vinto le suppletive a Siena aggiudicandosi un seggio in Parlamento, aveva commentato così il successo del centrosinistra: "Abbiamo dimostrato che la destra è battibile, ha sbagliato completamente la campagna elettorale, il centrodestra non c'è più, non c'è più il federatore, Berlusconi.
Questo è il dato che è emerso".

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
11:49

Elezioni amministrative 2021, una svastica contro il candidato sindaco del Sud Sardegna

Una Svastica disegnata nel coperchio del contenitore della carta fuori dalla sua abitazione nel sud Sardegna. Per Carlo Pahler, candidato sindaco di Serramanna alle prossime elezioni comunali – che nell'Isola si tengono il 10 e l'11 ottobre -, una brutta sorpresa. Soprattutto perché il simbolo nazista potrebbe essere legato alle origini tedesche del cognome dell'aspirante primo cittadino. "Penso che sia legato a questo – ha detto all'Ansa – sto andando in caserma a sporgere denuncia. Ma più che portare in tribunale chi ha fatto questo vorrei parlare con questa persona e cercare di capire il motivo di questo gesto. Probabilmente non si è reso conto di quello che faceva".

Pahler ha diffuso su Facebook anche la foto del mastello "imbrattato" aggiungendo un commento: "Qualcuno stanotte ha voluto lasciare un segno. Sono dispiaciuto, lo dico con onestà. È un gesto vile nei miei confronti e in quelli della mia famiglia".

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
11:41

Crollo affluenza: a Napoli, Torino e Milano è la più bassa di sempre

Crolla l'affluenza di tutta Italia: per le comunali ha votato il 54,69% degli aventi diritto, per le regionali in Calabria il 44,36%, per le suppletive a Siena appena il 35,59%. In particolare a Napoli, Torino e Milano si è registrata l'affluenza più bassa di sempre: rispettivamente 47,19%, 48,06% e 47,6%. A Roma è stata del 48,83%: 5 anni fa era andato al voto il 57,03%.

A cura di Annalisa Cangemi
05 Ottobre
11:23

Amministrative 2021, Renzi: "Sovranisti hanno straperso, per i Cinque Stelle sconfitta letale"

Il leader di Italia viva Matteo Renzi ha commentato l'esito di questa tornata elettorale: "Il risultato di Italia Viva è incredibilmente superiore alle nostre aspettative. Eleggiamo sindaci iscritti al partito in tutta Italia, siamo determinanti in moltissimi comuni, abbiamo un numero impressionante di consiglieri e assessori. Laddove c'erano le liste riformiste, i candidati di Italia Viva sono campioni di preferenze (da Milano a Roma a Napoli)".

"I sovranisti hanno straperso. Sia quelli di destra (Lega e Fratelli d'Italia) sia quelli che volevano sembrare di sinistra (i Cinque Stelle)", prosegue. Per Renzi l'orizzonte politico futuro per i Cinque stelle non andrà oltre il 2023. "Conte funziona per la bolla dei social, ma nelle urne il suo effetto sulle amministrative è stato più negativo che neutro, come si vede da Milano fino al più piccolo dei comuni. Per i Cinque Stelle una sconfitta letale". Secondo il senatore "Il Pd liberato dall'abbraccio dei Cinque Stelle vince. Altro che Conte o morte. Se il Pd è riformista se la gioca, se il Pd insegue i populisti perde".

Per quanto riguarda il centrodestra, Renzi ha spiegato che "Salvini ha compiuto un errore incredibile nell'inseguire la Meloni anziché seguire Draghi. Mario Draghi sta cambiando anche la politica, Salvini sembra non averlo capito". "Il Pd liberato dall'abbraccio dei Cinque Stelle vince. Altro che Conte o morte. Se il Pd è riformista se la gioca, – osserva il leader di Italia Viva – se il Pd insegue i populisti perde".

A cura di Annalisa Cangemi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni