436 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Svizzera: armato di ascia e coltello, prende in ostaggio 15 persone su un treno. Ucciso dalla polizia

L’uomo – pare un 32enne iraniano, richiedente asilo – ha trattenuto con la forza i passeggeri e il macchinista di un treno nel Canton Vaud, minacciandoli con ascia e coltello per 4 ore.
A cura di Biagio Chiariello
436 CONDIVISIONI
Immagine

Un calvario durato almeno 4 ore quello di quattordici passeggeri e del macchinista di un treno in Svizzera, presi in ostaggio nella serata di ieri, giovedì 8 febbraio, nel Canton Vaud. Il sequestratore, che si ritiene fosse un richiedente asilo iraniano di 32 anni residente nel Cantone di Neuchâtel, è stato poi colpito a morte dalla polizia.

L'allarme è stato dato alle 18.35, quando l'uomo è salito sul treno – partito dalla stazione di Sainte-Croix alle 18.06 e diretto a Yverdon – nei pressi di Essert-sous-Champvent (VD). Minaccioso, armato di un'ascia e di un coltello, ha costretto il macchinista a fermare il treno e ad unirsi ai passeggeri nella carrozza.

Gli agenti, tra cui un'unità speciale di Ginevra, ha circondato il treno e ha cercato per diverse ore di parlare con l'uomo, sia in lingua inglese sia in farsi, senza successo.

A tarda notte, quando hanno visto il sequestratore allontanarsi dai passeggeri, hanno preso d'assalto il treno usando granate stordenti. Secondo i rapporti, l'uomo avrebbe quindi "attaccato la polizia" e a quel punto gli agenti hanno aperto il fuoco.

“Il sequestratore ha brandito l’ascia in direzione del gruppo di intervento e un agente di polizia ha usato la sua arma per proteggere gli ostaggi, colpendo mortalmente l’aggressore”, ha spiegato Jean-Christophe Sauterel, portavoce della Polizia cantonale, aggiungendo che il 32enne è deceduto sul posto, nonostante la presenza di un medico nella squadra della polizia.

Le forze dell'ordine hanno affermato che "il motivo della presa degli ostaggi non è chiaro". Un passeggero sul treno ha detto che l'aggressore sembrava "molto stressato". I filmati delle telecamere a circuito chiuso, non ancora analizzati, potrebbero dare qualche informazioni in più per sciogliere i dubbi.

Gli ostaggi sono stati liberati sani e salvi, prima di essere assistiti sul posto da un'unità medica. Sicuramente saranno interrogati ai fini dell'indagine.

436 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views