Se oggi Emma Taylor è ancora vita, è perché si è finta morta durante un incidente col suo cane domestico. La 29enne britannica che di lavoro fa la dog walker (professionisti che ama portare i cani a passeggio e vivere all'aria aperta) ha deciso di raccontare per la prima volta la sua drammatica esperienza in un post su Facebook. La donna, madre di un bimbo, è stata aggredita da Maya, bulldog americano, mentre stava passeggiando in un bosco insieme ad un altro cane. All’improvviso, l’animale le si è avventato contro causandole delle gravissime ferite alle braccia. Emma ha finto di perdere i sensi e solo allora Maya le si è staccata di dosso. La 29enne era molto legata al "membro della famiglia più amato" che dopo l’incidente è stato abbattuto. La donna, ​​che gestisce un servizio di dog-walking, School of Walk, è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico su entrambi gli arti. Ci sono voluti ben 9 giorni per stabilizzare le sue condizioni mediche.

I fatti sono avvenuti il lunedì di Pasqua, 2 aprile vicino a Beardmore Street, Clydebank, nei pressi di Glasgow. Ci sarebbe stato “un alterco tra il cane di un cliente e il mio cane Maya (che abbiamo adottato un anno fa)” racconta Emma. “Ho provato a separarli, ma a quel punto Maya si è voltata verso di me e mi ha attaccata. Ha causato gravi danni a entrambe le mie braccia, in particolare al braccio destro, sono riuscito a contattare la polizia e il servizio di ambulanza che ha assistito alla scena. Hanno immobilizzato Maya, hanno radunato gli altri cani e mi hanno accompagnato sana e salva al Glasgow Royal Infirmary” ricorda.

"Sono triste nel dire che Maya è stata sottoposta a eutanasia: era un membro della nostra famiglia molto amato. Vorrei rassicurare tutti sul fatto che sto bene e che col tempo riuscirò a superare tutto questo con l'aiuto dei miei cari". Zoologa addestratrice ed esperta del comportamento degli animali, la 29enne ha ammesso di essersi "finta morta" mentre componeva il 999 (numero d’emergenza in Regno Unito). Dopo il feroce attacco, ​​la 29enne ha fatto sapere di volersi “prendersi una pausa per il prossimo futuro", come si legge in un post sulla pagina Facebook di School of Walk, gestita dal marito Steven. “È stato un momento difficile per la sua famiglia, ma voleva essere onesta con i suoi fedeli clienti. Gli incidenti possono accadere a chiunque, non importa quanto tu sia esperto, ed è devastata nel dover sospendere il suo servizio".