20 Dicembre 2021
17:30

Parigi, liberata una delle due donne prese in ostaggio: l’altra ancora nelle mani del sequestratore

Liberata una delle due donne prese in ostaggio all’interno di un negozio a Parigi. Il sequestratore, un uomo di 56 anni, sarebbe “conosciuto per problemi psichiatrici”. Sul posto la Brigata di ricerca.
A cura di Chiara Ammendola

È stata liberata una delle due donne che sono state prese in ostaggio da un uomo all'interno di un negozio a Parigi. Il sequestratore, che stando a quanto riportano fonti locali, è armato di coltello sarebbe già noto come soggetto affetto da "problemi psichiatrici". Si tratta di un 56enne, Abderaman B.J. residente in un centro di accoglienza. Il sequestro è avvenuto all'interno di una ferramenta nel 12esimo arrondissement di Parigi, nel quartiere della Bastiglia. Sul posto è stata inviata la Brigata di ricerca e intervento della questura della capitale francese per avviare una trattativa. Fonti della polizia hanno escluso la pista del terrorismo.

La zona è quella di rue d'Aligre che la polizia ha inviato tutti a evitare, intanto l'intera area è stata chiusa al traffico e transennata. Il sequestratore oltre che con il ministro della Giustizia Eric Dupond-Moretti. ha chiesto anche di parlare con l'avvocato di Omar Raddad, un ex giardiniere condannato nel 1994 per l'omicidio della sua datrice di lavoro Ghislaine Marchal e che giovedì 16 dicembre la giustizia ha deciso di riaprire il dossier prima di un'eventuale revisione del processo. Un ampio perimetro di sicurezza è stato istituito "tra il Faubourg Saint-Antoine e la rue Crozatier": decine di auto della polizia, soldati e camion della BRI sono giunti sul posto.

"Temiamo che abbia interrotto il trattamento" farmacologico, dice una fonte citata da Le Parisien – il tempo è dalla nostra parte. Sta discutendo con il negoziatore. Se non ci riusciamo, faremo un blitz", precisa una fonte vicina all'inchiesta,  aggiungendo che le donne trattenute all'interno sarebbero la negoziante e la figlia: non è chiaro chi delle due sia stata liberata. Secondo fonti di polizia, l'uomo si sarebbe chiuso all'interno del negozio di ferramenta assieme alle due donne e avrebbe poi tirato giù la saracinesca.

Zelensky: "Ad Azovstal un inferno, russi continuano a bombardare"
Zelensky: "Ad Azovstal un inferno, russi continuano a bombardare"
2 di askanews
Villaggio liberato in Ucraina, un uomo racconta la sua storia: per la prima volta lascia casa dopo 50 giorni
Villaggio liberato in Ucraina, un uomo racconta la sua storia: per la prima volta lascia casa dopo 50 giorni
Bimba di 4 anni veglia per due giorni la mamma morta: “Era accanto al suo letto”
Bimba di 4 anni veglia per due giorni la mamma morta: “Era accanto al suo letto”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni