Il volto del matematico britannico Alan Turing comparirà sulla nuova banconota da 50 sterline. Lo ha annunciato la Banca d'Inghilterra, che così rende omaggio al genio di Turing, la cui figura è stata riabilitata solamente di recente. Nato a Londra nel 1912 e considerato il padre della moderna scienza informatica, Alan Turing – famoso per la "macchina di Turing" e il "test di Turing" – decifrò il codice Enigma usato dai nazisti contribuendo in maniera decisiva alla vittoria degli Alleati nella Battaglia dell'Atlantico e nel 1953 venne condannato per comportamenti osceni, a causa della sua relazione con un uomo, e per la sua omosessualità venne escluso da ogni incarico pubblico. All’epoca nel Regno Unito l’omosessualità era un crimine punito con il carcere o la castrazione chimica. Turing accettò di sottoporsi al trattamento di castrazione chimica per non andare in carcere ma la sua vita finì poco dopo, nel 1954, quando si suicidò a soli 41 anni. Nel 2017 il Parlamento britannico ha approvato la “Alan Turing Law”, la legge che consente la riabilitazione postuma di coloro che in passato erano stati condannati a causa delle leggi contro l'omosessualità.

"Turing è un gigante sulle cui spalle oggi si trovano in molti" – Nell'annunciare che sulla nuova banconota da 50 sterline ci sarà il volto dello scienziato, il governatore della Banca d'Inghilterra, Mark Carney, ha voluto ricordare che “Alan Turing fu uno straordinario matematico, il cui lavoro ha avuto un enorme impatto sul modo in cui viviamo oggi”. “Come padre della scienza informatica e dell'intelligenza artificiale, e come eroe di guerra, il contributo di Alan Turing fu fondamentale. Turing è un gigante sulle cui spalle oggi si trovano in molti”, ha detto. La nuova banconota col volto di Turing, che entrerà in circolazione a partire dal 2021, sarà l’ultima di una serie prodotta dalla Banca centrale del Regno Unito a non essere fatta di carta ma da materiali polimerici.