A Bristol, nel Regno Unito, un lavoratore del servizio sanitario nazionale i 21 anni è rimasto gravemente ferito dopo essere stato investito da un'auto mentre lasciava l'ospedale in cui lavora. Si è trattato da quanto risulta alla Polizia, di un attacco razzista. Il dipendente nero del Nhs, la Sanita' pubblica britannica, è stato investito mercoledì. Lo riporta il Mirror online e la BBC.

Il fatto, che si è verificato lo scorso 22 luglio, è stato reso noto tramite un post sui social pubblicato da un amico del giovane, che ha diffuso anche una foto della vittima con il volto sfigurato.

Il ragazzo, che nel tempo libero ama suonare e giocare a calcio, ha riportato fratture al naso, agli zigomi, e alla gamba destra, aveva finito il suo turno all'ospedale di Southmead poco dopo le 16.00, quando è stato preso in pieno da un'auto con due persone a bordo, che dopo l'impatto lo hanno prima insultato e poi sono fuggite a piedi. Secondo quanto raccontato nel post, c'erano almeno una quindicina di persone sul luogo. Il giovane, come ha raccontato lui stesso in un'intervista alla BBC, adesso teme per la sua incolumità e per quella delle persone a lui vicine: "Ora riesco solo a stare seduto tutto il giorno. Sono traumatizzato, perché penso che potrebbe riaccadere ancora. Perché nessuno è stato arrestato ancora. Anche i miei familiari potrebbero non sentirsi più al sicuro se si trovano a fare compere in un negozio. Sarei potuto morire, magari non sarei qui a raccontarlo". Bristol è stata al centro delle proteste britanniche del movimento Black Lives Matter a giugno.