Sono pronti i modelli e le istruzioni per il 730, la Certificazione unica, Iva e 770 per il 2020. Tutti i documenti sono stati pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Entrate e tra le principali novità arrivano l’estensione dell’impiego del modello all’erede e l’introduzione dello sport bonus nel 730. Ancora, tra le novità c'è l'introduzione degli appositi campi nella Certificazione unica per l’indicazione dei premi di risultato di anni precedenti e l’inserimento, nel modello Iva/2020, della casella ‘Esonero dal visto di conformità’ nel riquadro predisposto alla firma.

Le novità per la dichiarazione dei redditi

Una delle principali novità sottolineata attraverso un comunicato dall’Agenzia delle Entrate è la possibilità per gli eredi di utilizzare il 730 per la dichiarazione dei redditi del contribuente deceduto tra il 2019 e il 23 luglio 2020. Vengono introdotti anche il credito d’imposta per la bonifica ambientale e la detrazione del 50% per realizzare le colonnine per la ricarica di auto elettriche. Vengono aggiornate le istruzioni per i nuovi limiti reddituali per i figli a carico, che diventa di 4mila euro. Inoltre ci sarà l’esordio per lo sport bonus.

Lo sport bonus, cos’è e come funziona

Lo sport bonus, al suo esordio nelle dichiarazioni dei redditi, è un credito d’imposta al 65% per le erogazioni indirizzate agli interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici, oltre che per la realizzazione di nuove strutture. Si applicherà non solo per il 2019, ma anche per il 2020. Con l’ultima legge di Bilancio, inoltre, il bonus è stato esteso, oltre che alle società sportive dilettantistiche, anche per le associazioni dilettantistiche e per gli enti di promozione sportiva. I benefici del bonus non riguardano solo le imprese, ma anche le persone fisiche.

Le novità per il modello Iva

Tra le altre novità del 2020 ci sono anche quelle riguardanti il modello Iva. In primis nel frontespizio viene introdotta una casella per i contribuenti che hanno applicato gli Isa e sono esonerati dal visto di conformità. Vengono inoltre introdotti due nuovi quadri, il VP e il VQ: il primo è per i contribuenti che vogliono dichiarare i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche del quarto trimestre alla presentazione della dichiarazione annuale; il secondo è rivolto a chi vuole determinare il credito maturato dopo i versamenti di Iva periodica non spontanei, come comunicazioni d’irregolarità o la notifica delle cartelle di pagamento sulle comunicazioni di liquidazioni periodiche.

Le novità per la Certificazione unica

Anche per la Certificazione unica 2020 vengono introdotte piccole novità. A partire dai campi appositi predisposti per l’indicazione dei premi di risultato relativi agli anni precedenti, creati per gestire i casi in cui l’anno di effettuazione dell’opzione di conversione del premio di risultato in welfare aziendale non coincida con il periodo d’imposta in cui viene erogato il benefit. Altre tre campi vengono introdotti per consentire ai contribuenti di indicare la nuova forma di detassazione del Trattamento di fine servizio.