Le vecchie edizioni de "Le due torri" o "Il ritorno del re", rispettivamente seconda e la terza parte de "Il signore degli anelli" non sono attualmente reperibili nelle librerie italiane. Motivo? La prima traduttrice dell'opera, Vittoria Alliata, ha querelato Ottavio Fatica, il nuovo traduttore. Per questa ragione, dal 13 gennaio, come riferito da Ilpost, se andate in una libreria a chiedere una copia di questi volumi non sarà possibile reperirne. Almeno per il momento. La storica traduttrice, infatti, da tempo porta avanti una causa civile con l'editore Bompiani, che detiene i diritti delle opere in Italia, per le opere di J.R.R. Tolkien.

La vicenda della causa tra la storica traduttrice de "Il signore degli anelli", Vittoria Alliata, e la casa editrice Bompiani ha inizio nel 2018. E sarebbe in parte dovuta, come riferisce Ilpost, al fatto che alla scadenza del contratto, la casa editrice oggi facente parte del gruppo Giunti non lo aveva più rinnovato. La stessa Beatrice Masini, direttrice di Bompiani, aveva scritto in una missiva inviata al Giornale di una svista, senza tuttavia riuscire a trovare un accordo con la Alliata.

Che, intanto, ha "querelato" anche il nuovo traduttore dell'opera di Tolkien, di cui nei giorni scorsi si è tornato a parlare per la morte del figlio, Christopher, all'età di 95 anni. In più, la Alliata avrebbe querelato anche la scrittrice Loredana Lipperini, per una domanda ritenuta ingenerosa dai legali della traduttrice del romanzo, che in un’intervista per Repubblica aveva posto allo stesso Fatica la domanda: "La traduzione precedente è stata molto criticata: a ragione?".

Le edizioni di "La compagnia dell’anello", "Le due torri" e "Il ritorno del re" nella traduzione di Vittoria Alliata sono dunque state ritirate dagli scaffali delle librerie e mandate al macero. Da oggi, per gli affezionati lettori di "Lord of rings", ci sono però le edizioni in lingua originale. Nell'attesa che l'annosa querelle trovi una soluzione.