30 Dicembre 2021
12:40

Il nuovo libro di Jonathan Bazzi è Corpi minori: dopo Febbre lo scrittore racconta l’amore che dura

Si chiama “Corpi minori” il nuovo libro di Jonathan Bazzi che dopo il successo di “Febbre” torna a febbraio per Mondadori.
A cura di Redazione Cultura

Dopo il successo di "Febbre" che è stato pubblicato in Spagna pochi mesi fa e nel 2022 sarà pubblicato anche negli Usa, in Inghilterra e in Australia, Jonathan Bazzi annuncia l'uscita del suo atteso secondo romanzo che si chiamerà "Corpi minori". Il nuovo libro dello scrittore milanese sarà pubblicato da Mondadori (dopo l'esordio uscito per Fandango) ed è stato presentato dallo stesso Bazzi su Instagram, dove ha mostrato anche la copertina, anticipando la data di uscita. "Corpi minori" uscirà l'8 febbraio ed è stato scritto durante il lockdown, come spiega lo scrittore che aveva sorpreso l'Italia raccontando la scoperta della sieropositività e di come cambia la vita, e conquistandosi anche la sestina del Premio Strega 2020.

Di cosa parla Corpi minori

"[Corpi minori] L’ho scritto mentre tutto chiudeva e insieme si spalancava, durante il primo e il secondo lockdown ma anche durante i mesi girovaghi e commoventi dello Strega, in quella più che imprevedibile sovrapposizione di eccezioni. L’ho scritto soprattutto alle prese con ciò che è accaduto in me dopo, quando quasi tutto all’esterno si è fermato e le voci degli altri hanno preso dimora nella mia testa, intimando, giudicando – ha raccontato Bazzi nel post su Instagram -. È stato complicato, eppure eccolo qua. Si intitola Corpi minori e racconta due movimenti essenziali: dalla periferia al centro e dall’amore atteso, sperato, immaginato, all’amore reale. A ciò che accade, può accadere – di oscuro, doloroso – quando le benedizioni discendono su di noi e l’amore dura, continua nel tempo. Rimane".

Quando esce il nuovo libro di Bazzi

Nel presentare il libro Bazzi accenna anche ai nomi dei personaggi che vivono in queste pagine e all'importanza che ha avuto Milano: "Tra le sue pagine scorrono i desideri e le storie di Pietro e di Minnie, di Dylan e di Melissa, di Nora, di Léon, di Spina e di Marius, oltre a quelli del protagonista, che per me significa soprattutto ‘testimone’. È un libro su Milano, dirò – ogni capitolo porta il nome di una sua via o piazza, in una specie di mappatura mnestica ovvero sentimentale –, ed è un libro sull’amore, ovvero la più ostinata delle nostre ossessioni. Sul mostro che ogni amore – soprattutto ogni grande amore – custodisce, e qualche volta scatena. Esce l’8 febbraio con @librimondadori sotto il segno dell’Acquario – ma con molti pianeti in Capricorno –, nel giorno del compleanno di James Dean. La copertina è di @mp5art a cui va tutta la mia gratitudine".

La denuncia di Jonathan Bazzi dopo un episodio di omofobia:
La denuncia di Jonathan Bazzi dopo un episodio di omofobia: "Presi in giro perché gay"
Genova 2001, 21 anni dopo non si sa ancora nulla sulla generazione che ha cambiato il mondo
Genova 2001, 21 anni dopo non si sa ancora nulla sulla generazione che ha cambiato il mondo
È morto Pietro Citati, addio allo scrittore e critico letterario
È morto Pietro Citati, addio allo scrittore e critico letterario
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni