2.145 CONDIVISIONI
4 Marzo 2020
19:25

Edgar Lee Masters: 70 anni fa moriva l’autore dell’Antologia di Spoon River

Il 5 marzo del 1950 muore, in Illinois, il poeta che regalò al mondo l’Antologia di Spoon River: Edgar Lee Masters aveva abbandonato la professione di avvocato per dedicarsi interamente alla scrittura, pubblicando decine di raccolte poetiche, romanzi e opere teatrali, ma morì solo e dimenticato da tutti. Pochi anni dopo il suo nome venne riconosciuto come uno dei più interessanti della letteratura americana e anche oggi, a settant’anni dalla morte, leggiamo ancora affascinati la sua monumentale opera.
A cura di Federica D'Alfonso
2.145 CONDIVISIONI
Edgar Lee Masters, "Antologia di Spoon River" (Einaudi, collana SuperET).
Edgar Lee Masters, "Antologia di Spoon River" (Einaudi, collana SuperET).

Edgar Lee Masters muore il 5 marzo 1950, solo, dimenticato e in totale povertà. Trentacinque anni prima però, il suo nome era stato sulla bocca di molti abitanti di Petersburg, un piccolo paesino dell’Illinois, infuriati per aver visto i più intimi segreti delle loro vite silenziose incise sulle pietre tombali della Spoon River Anthology. Non molti anni dopo, invece, Edgar Lee Masters sarà riconosciuto come l’autore di uno dei più grandi capolavori della letteratura americana. A distanza di 70 anni dalla scomparsa, ecco chi era il poeta dell’Antologia di Spoon River: colui che diede voce ai morti.

L’Antologia di Spoon River: l’ultimo canto dei morti

La lapide commemorativa nel cimitero di Oak Hill, che ha ispirato Edgar Lee Master per l’Antologia di Spoon River.
La lapide commemorativa nel cimitero di Oak Hill, che ha ispirato Edgar Lee Master per l’Antologia di Spoon River.

All'epoca della pubblicazione delle elegie che compongono l’Antologia di Spoon River su un quotidiano di Saint Louis, Edgar Lee Masters aveva già da anni avviato la sua carriera d’avvocato. Nel 1911 aveva aperto uno studio legale, seguendo le orme del padre, e incoraggiando due dei suoi figli a seguire la stessa carriera. Un comune uomo del Midwest, se non fosse stato per la sua passione per la poesia cimiteriale di Thomas Gray, per gli antichi epigrammi greci e per Maupassant: è da questi testi che pian piano Lee Masters matura l’idea che lo porterà a scrivere, in poco più di due anni, la celeberrima Antologia di Spoon River.

Le pietre tombali di un immaginario cimitero di una nemmeno troppo inventata città (Edgar Lee Masters prenderà spunto dalle vite di molti degli abitanti di Lewistown, dove risiedeva) saranno per lui occasione di cantare tutta l’umana miseria e disperazione. Griffy il bottaio, Frank Drummer, Jack McGuire e George Gray sono solo alcuni dei memorabili personaggi che, in forza della morte non hanno più nulla da perdere, e iniziano così a raccontare le loro vite.

Molte volte ho studiato | la lapide che mi hanno scolpito: | una barca con vele ammainate, in un porto. | In realtà non è questa la mia destinazione | ma la mia vita. | Perché l’amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno; | il dolore bussò alla mia porta, e io ebbi paura; | l’ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti. | Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita. | E adesso so che bisogna alzare le vele | e prendere i venti del destino, | dovunque spingano la barca. | Dare un senso alla vita può condurre a follia, | ma una vita senza senso è la tortura | dell’inquietudine e del vano desiderio. | È una barca che anela al mare eppure lo teme.

Edgar Lee Masters oltre Spoon River

Edgar Lee Masters.
Edgar Lee Masters.

La complessa opera poetica di Edgar Lee Masters è divenuta fonte d’ispirazione per altrettanti capolavori non solo letterari. Memorabile resta il libero adattamento realizzato nel 1970 da Fabrizio De André nell'album “Non al denaro, non all’amore né al cielo”, a sua volta mediato dal duro lavoro in veste di traduttrice di Fernanda Pivano che, nel 1943, pagò addirittura con il carcere il tentativo di pubblicazione di quell’opera immorale.  Lei stessa ricorderà, anni dopo: “Era superproibito quel libro in italia. Parlava della pace, contro la guerra, contro il capitalismo, contro in generale tutta la carica del convenzionalismo. Era tutto quello che il governo non ci permetteva di pensare […], e mi hanno messo in prigione e sono molto contenta di averlo fatto”.

Ma se l’Antologia ha avuto uno straordinario successo, le altre opere di Edgar Lee Masters caddero praticamente nel silenzio. Negli anni Venti il poeta tentò di proseguire sulla strada di Spoon River pubblicando un seguito che non ebbe però il successo sperato. Abbandonata la professione che gli permetteva quantomeno di vivere in modo dignitoso, Lee Master si dedicò anima e corpo alla scrittura: fino almeno agli anni Quaranta, scrisse decine di raccolte poetiche, sei opere teatrali e altrettanti romanzi e saggi.

Agli anni di insuccesso si aggiunse la malattia che lo consumerà, portandolo alla morte il 5 marzo di 70 anni fa. Edgar Lee Masters venne sepolto nel cimitero di Oakland, a Petersburg, e sulla sua lapide venne inciso un verso di una delle sue poesie dimenticate, dal titolo “To-morrow is My Birthday”:

Buoni amici, andiamo ai campi… |Dopo una piccola passeggiata e vicino al vostro perdono, | Penso dormirò, non c'è cosa più dolce. | Nessun destino è più dolce di quello di dormire. | Sono un sogno di un riposo benedetto, | Camminiamo, e ascoltiamo l'allodola.

2.145 CONDIVISIONI
Luana D’Orazio morta sul lavoro un anno fa, il ricordo del fidanzato: “Così penso a suo figlio”
Luana D’Orazio morta sul lavoro un anno fa, il ricordo del fidanzato: “Così penso a suo figlio”
Ucraina, Zelensky: "Il giorno della liberazione è vicino, torneremo indipendenti come 77 anni fa"
Ucraina, Zelensky: "Il giorno della liberazione è vicino, torneremo indipendenti come 77 anni fa"
Guerra in Ucraina, Generale Graziano: "Tornati indietro di 70 anni, Putin non si fermerà al Donbass"
Guerra in Ucraina, Generale Graziano: "Tornati indietro di 70 anni, Putin non si fermerà al Donbass"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni