Due turiste tedesche di 24 e 25 anni sono state aggredite sessualmente la scorsa notte sulla spiaggia di Rimini. Pare che le vittime stessero facendo una passeggiata nella zona tra la spiaggia libera e il Bagno 1, quando sono state avvicinate dal maniaco, un cittadino straniero, che avrebbe tentato di abusare di una delle due. Fortunatamente lo stupro non si sarebbe consumato, ma la vittima è stata ricoverata in ospedale con la frattura di una mano, poi dimessa con una prognosi di 20 giorni. I Carabinieri del Comando Provinciale di Rimini hanno poi fermato un uomo di nazionalità romena di 37 anni, e la Procura della Repubblica ne ha disposto l'arresto per violenza sessuale.

Stando a quanto si apprende, la turista aggredita era in compagnia di una connazionale quando l'uomo, all'altezza del Bagno 1, si è avvicinato e l'ha afferrata per un braccio. Mentre l'altra è riuscita a fuggire, la vittima è stata colpita da un calcio. L'aggressore avrebbe provato ad buttarla a terra e a metterle le mani addosso. Ma la ragazza si è messa ad urlare per chiedere aiuto e alla fine è riuscita a divincolarsi. Un uomo che si trovava in zona è poi intervenuto quando ha visto le due ragazze subire l'aggressione. Quando il testimone – pare un ragazzo di origine africana – è intervenuto a bloccare il romeno, c'è stata una colluttazione, ma l'uomo è riuscito a chiamare i soccorsi.

Sul posto sono intervenute due pattuglie dei carabinieri, una del Radio Mobile e l'altra della stazione di via Destra del Porto, già presenti in zona per controlli di pubblica sicurezza. Le forze dell’ordine sono subito riuscite a identificare l'aggressore riconosciuto dalle vittime. Il rumeno di 36 anni è stato sottoposto a fermo e si trova nel carcere riminese dei Casetti in attesa dell'udienza per la convalida.