Una tragedia si è verificata questa mattina nel trevigiano. Un uomo di 82 anni ha perso la vita dopo essere caduto accidentalmente nel pozzetto che raccoglie le acque pluviali. Il decesso è avvenuto nella tarda mattinata di oggi, domenica 4 ottobre. Si chiamava Bruno Biasiato, originario della zona. La caduta che gli è stata fatale è avvenuta a due passi dalla sua abitazione in viale Papa Luciani, a Mansuè, il paese dove viveva. Erano circa le 12 quando l'anziano, mentre si accingeva a controllare il pozzetto delle acque pluviali nell'orto di casa per verificare il funzionamento delle pompe fluviali, è improvvisamente scivolato.

Per motivi che non sono ancora stati chiariti Bruno Biasiato è precipitato a testa in giù sul fondo del pozzetto, situato nel terreno di sua proprietà, nel retro della sua villetta di via Papa Luciani, e ha battuto violentemente il capo. Probabilmente ha perso i sensi ed è morto annegato. Il pozzo è profondo meno di un metro: al suo interno era rimasta dell'acqua piovana. Dopo essere caduto a testa in giù, l'anziano non è più riuscito a uscire e a mettersi in salvo. Quando i familiari dell'uomo si sono accorti del terribile incidente hanno chiamato aiuto, avvisando i sanitari del 118. Ma per il pensionato non c'è stato nulla da fare. A casa dell'uomo sono arrivati un'ambulanza e l'elisoccorso del Suem 118, ma i soccorsi sono stati inutili: Bruno Biasiato era già deceduto. Anche i vigili del fuoco si sono recati sul posto per estrarre il corpo dell’anziano dal pozzetto. I carabinieri di Conegliano hanno invece effettuato i rilievi sulla dinamica del tragico incidente domestico.