Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

L'uomo di 28 anni di nazionalità finlandese che sabato ha molestato un'agente di polizia nei pressi della stazione di Reggio Emilia è stato scarcerato senza obblighi. Lo ha precisato, rettificando le informazioni diffuse in precedenza, la Questura della città emiliana. Nei confronti dell'uomo è stato emesso un ordine di immediata liberazione da parte del pm, e non quindi del giudice, valutando il fatto tenue e l'incensuratezza della persona. Il questore di Reggio Emilia Antonio Sbordone ha disposto comunque un decreto di allontanamento per il ventottenne.

Gli inquirenti hanno quindi fortemente ridimensionato la versione della vicenda fornita in un primo momento dal SAP, il sindacato autonomo di polizia, che in una nota ieri aveva parlato di violenza sessuale da parte di un extracomnitario. Lo stesso Stefano Paolini, segretario generale del sindacato, ha commentato: "Nonostante l’accusa gravissima e la presenza di una donna poliziotto oggetto di molestie, il soggetto è stato immediatamente rilasciato, poiché il giudice ha ritenuto il fatto di lieve entità. Può la violenza sessuale essere di lieve entità? Inconcepibile!". Per il segretario del Sap, "rilasciare chi compie tali atti, significa legittimarlo a continuare. Probabilmente, domani la prossima vittima sarà la figlia o la moglie di qualcun altro. Alla collega giunge tutta la nostra solidarietà, per gesti di pura inciviltà e degrado da parte di soggetti irrispettosi innanzitutto delle donne e dopo delle istituzioni".