5.241 CONDIVISIONI
29 Maggio 2019
11:59

Lo youtuber St3pNy multato dalla Guardia di Finanza: “Ha evaso 1 milione di euro di tasse”

St3pNy, al secolo Stefano Lepri, 25enne star di YouTube, è stato multato nell’ambito di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Firenze per aver evaso oltre 1 milione di euro di tasse negli ultimi 5 anni con i suoi video su internet. Secondo fonti investigative, “lui è una persona perbene ma la sua attività non è inquadrata dall’Agenzia delle Entrate. Non è stato denunciato”.
A cura di Ida Artiaco
5.241 CONDIVISIONI
St3pNy, al secolo Stefano Lepri (Facebook).
St3pNy, al secolo Stefano Lepri (Facebook).

Avrebbe evaso oltre 1 milione di euro di tasse negli ultimi 5 anni. Per questo è finito nei guai St3pNy, al secolo Stefano Lepri, 25enne star di YouTube, secondo in Italia per numero di followers, individuato e multato dal nucleo polizia economica e finanziaria della Guardia di Finanza di Firenze. Lo youtuber avrebbe svolto la sua attività in rete in nero, con un'evasione di imposte che ha superato il milione di euro. Dalle indagini dei finanzieri è emerso che il ragazzo tra il 2013 e il 2018 avrebbe omesso di dichiarare ricavi per oltre 600mila euro e di versare l'Iva per oltre 400mila euro. Da anni, infatti, St3pNy è tra i maggiori influencer sul web grazie ai suoi video su viaggi ed esperienze personali che vengono visti e condivisi dalla sua community composta da più di 4 milioni di utenti che lo seguono assiduamente arrivando a toccare quota 1 milione di visualizzazioni al giorno.

Dal controllo delle fiamme gialle è risultato che l'attività del giovane era svolta in modo professionale, in quanto riceveva compensi dalle pubblicità inserite nei video che, quotidianamente, pubblicava sul proprio canale telematico. I pagamenti allo youtuber erano poi proporzionati al numero di visualizzazioni fatte dai followers. Tuttavia, St3pNy non è pienamente responsabile di questa situazione. Come hanno spiegato fonti della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Firenze a Fanpage.it, il 25enne si è affidato per la gestione della sua attività e quindi anche per i compensi ad una agenzia pubblicitaria milanese. Il compenso in questione varia a seconda della lunghezza dell'annuncio che accompagna i suoi video, dato che il guadagno è sui banner. L'agenzia, a sua volta, lo pagava ogni volta che riceveva un suo filmato, quindi anche quotidianamente. La singolarità, hanno spiegato ancora fonti investigative, è che il ragazzo aveva accumulato un reddito da lavoro autonomo, giornaliero, ma c'è un buco nella normativa fiscale. Per questo è stato chiesto all'Agenzia delle Entrate di creare un nuovo numero di partita Iva per l'attività di youtuber, che fino a questo momento non esisteva come figura reddituale. Lui è un ragazzo perbene, ma la sua attività non era inquadrata. Per questo è stato multato e non denunciato e ora dovrà risolvere con l'Agenzia delle Entrate. "Io ho sempre pagato le tasse in buona fede, altrimenti sarei alle Cayman in Ferrari", è stato il commento di St3pNy alla vicenda.

5.241 CONDIVISIONI
Negoziante rifiuta pagamento con il Pos di 1,80 euro: la cliente chiama la guardia di finanza
Negoziante rifiuta pagamento con il Pos di 1,80 euro: la cliente chiama la guardia di finanza
Cosa succede ai bagagli in un aereo? Abbiamo passato 24 ore con la Guardia di Finanza in aeroporto
Cosa succede ai bagagli in un aereo? Abbiamo passato 24 ore con la Guardia di Finanza in aeroporto
548.783 di Carmine Benincasa
Blitz della Guardia di Finanza a Coroglio, smantellato lido abusivo
Blitz della Guardia di Finanza a Coroglio, smantellato lido abusivo
37.622 di Fanpage.it Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni