385 CONDIVISIONI
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce
23 Settembre 2020
17:22

Lecce, omicidi dell’arbitro De Santis e della compagna: sospettato in procura, è un 37enne

Un uomo di 37 anni, residente ad Aradeo, sarebbe stato ascoltato in relazione al duplice omicidio verificatosi a Lecce nei giorni scorsi, in cui sono rimasti uccisi l’arbitro Daniele De Santis e la fidanzata Eleonora Manta. Il suo nome di battesimo è Andrea, lo stesso che alcuni testimoni hanno detto aver sentito urlare dalla vittima prima del delitto.
A cura di Ida Artiaco
385 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Daniele De Santis ed Eleonora Manta uccisi a Lecce

Possibile svolta nel caso del duplice omicidio di Lecce in cui sono rimasti uccisi l'arbitro Daniele De Santis e la sua fidanzata, Eleonora Manta. Le forze dell'ordine stanno ascoltando in queste ore un uomo di 37 anni, residente ad Aradeo. Si tratterebbe di un edicolante del posto. Il suo nome di battesimo è Andrea e coincide con quanto riferito da alcuni testimoni della palazzina che hanno detto agli investigatori di aver sentito urlare dalla giovane vittima proprio quel nome chiedendo all'assassino di fermarsi. Non si sa al momento se venga interrogato come persona informata sui fatti o come indagato. Da 48 ore le forze dell'ordine stanno lavorando per risolvere quello che fino a questo momento sembrava un giallo.

L'allarme era scattato lunedì scorso in un appartamento di via Montello, una perpendicolare di via Gallipoli, nei pressi della stazione ferroviaria. L'arbitro Daniele De Santis, 30 anni, direttore di gara spesso impegnato in Serie C, e la coetanea Eleonora Manta, sono stati ritrovati cadavere sulle scale del palazzo, ammazzati con una serie di coltellate. Quando i soccorsi sono giunti sul luogo del delitto non c'era più nulla da fare. Sin da subito gli inquirenti hanno pensato ad un lite finita male. Ma dell'arma del delitto e del killer neppure la traccia. Le forze dell’ordine si sono subito messe alla ricerca di un uomo con in mano un coltello che sarebbe stato visto allontanarsi a piedi dall’edificio. Alcuni vicini di casa della coppia hanno anche sentito Eleonora urlare "Andrea, ti prego fermati" prima che si consumasse l'omicidio, lo stesso nome di battesimo dell'uomo che è stato appena fermato e che è sotto interrogatorio.

385 CONDIVISIONI
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, l'ex coinquilino di De Marco: "Dopo l'omicidio si chiuse in camera"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, l'ex coinquilino di De Marco: "Dopo l'omicidio si chiuse in camera"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, 79 coltellate inferte ai due fidanzati: "Mai vista tanta ferocia"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, 79 coltellate inferte ai due fidanzati: "Mai vista tanta ferocia"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, il padre del giovane arbitro: "De Marco? Non lo perdonerò mai"
Eleonora e Daniele uccisi a Lecce, il padre del giovane arbitro: "De Marco? Non lo perdonerò mai"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni